Il giorno dopo aver citato in giudizio Binance, la SEC degli Stati Uniti addebita alla piattaforma crittografica Coinbase

NEW YORK, 6 giugno (Reuters) – La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha citato in giudizio Coinbase (COIN.O) martedì, accusando il più grande exchange di criptovalute statunitense di operare illegalmente perché non si è registrato presso l’autorità di regolamentazione.

Il secondo caso della SEC contro un importante scambio di criptovalute in due giorni segue la causa contro il più grande scambio di criptovalute del mondo Finance e il fondatore Changpeng Zhao.

Le due cause civili fanno parte di uno sforzo del presidente della SEC Gary Gensler per affermare la giurisdizione sui mercati delle criptovalute, che martedì ha nuovamente definito un investimento “Wild West”, e aumentare la fiducia degli investitori nei mercati dei capitali.

“I mercati delle criptovalute stanno minando quella fiducia, e dirò questo: sta minando i nostri mercati dei capitali in generale”, ha detto Gensler alla CNBC.

Le società di criptovaluta, inclusa Coinbase, hanno affermato che le regole della SEC non sono chiare e che il regolatore va oltre enfatizzando la supervisione del loro settore.

Paul Grewal, consigliere generale di Coinbase, ha dichiarato in una dichiarazione che la società continuerà a operare come al solito e “esprime il suo impegno per la conformità”.

Dieci stati degli Stati Uniti, guidati dalla California, stanno intraprendendo un’azione legale contro Coinbase per presunte violazioni della legge sui titoli.

Le azioni della società madre di Coinbase, Coinbase Global Inc, sono scese di $ 8,18, o del 13,9%, a $ 50,53 nel trading mattutino, dopo essere scese fino al 20,9% in precedenza.

Secondo la società di dati Nansen, i clienti di Coinbase hanno ritirato più di 57 milioni di dollari dall’exchange entro poche ore dal deposito.

READ  L'indice di gradimento di Biden tocca un nuovo minimo
Grafica Reuters

Tredici risorse crittografiche

In una denuncia presentata al tribunale federale di Manhattan, la SEC ha affermato che Coinbase ha operato come intermediario nelle transazioni crittografiche almeno dal 2019, guadagnando miliardi di dollari evitando i requisiti di divulgazione per proteggere gli investitori.

La SEC ha affermato che Coinbase ha scambiato almeno 13 criptovalute che devono essere titoli registrati, inclusi token come Solana, Cardano e Polygon.

Una rappresentazione della criptovaluta è vista davanti al logo Coinbase in questo grafico preso il 4 marzo 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione/File Foto

Fondata nel 2012, Coinbase ha recentemente servito più di 108 milioni di clienti e si è conclusa a marzo con 130 miliardi di dollari in criptovalute e fondi dei clienti in bilancio. Le transazioni hanno generato il 75% dei suoi 3,15 miliardi di dollari di entrate nette lo scorso anno.

La denuncia di martedì ha affrontato diversi aspetti dell’attività di Coinbase, tra cui Coinbase Prime, che invia ordini; Coinbase Wallet, che consente agli investitori di accedere alla liquidità; e il servizio di staking Coinbase Earn.

Nel programma di staking, Coinbase raccoglie criptovalute e le utilizza per facilitare l’attività sulla rete blockchain, offrendole ai clienti in cambio di “ricompense” dopo aver preso una commissione per sé.

Gli Stati si stanno concentrando sul programma, incluso il New Jersey È stata inflitta una multa Coinbase $ 5 milioni per la vendita di titoli non registrati.

“Le regole non possono essere ignorate”

Il deposito della SEC di martedì chiede sanzioni civili, guadagni illeciti e provvedimenti ingiuntivi.

La SEC ha avvertito Coinbase a marzo che potrebbero arrivare addebiti. Ha affermato che la società era “pienamente consapevole” che la sua attività era soggetta alle leggi federali sui titoli, ma le ha ignorate.

“Non puoi ignorare le regole solo perché non ti piacciono o vuoi qualcosa di diverso”, ha detto in una dichiarazione il capo dell’applicazione della SEC Gurbir Grewal.

READ  Le inondazioni dovute allo scioglimento della neve chiudono il Parco nazionale di Yosemite per giorni: NPR

Il giro di vite di Gensler sulle criptovalute ha spinto il settore ad aumentare la conformità, impilare i prodotti ed espandersi al di fuori del paese.

Christine Smith, CEO del gruppo commerciale Blockchain Association, ha contestato la pretesa di Gensler di giurisdizione industriale. “Speriamo che i tribunali dimostreranno che il presidente Gensler ha torto a tempo debito”, ha detto.

Nel caso Binance, la SEC ha affermato di aver gonfiato i volumi degli scambi, dirottato i fondi dei clienti, raggruppato in modo improprio le attività, non è riuscito a tenere i clienti statunitensi facoltosi fuori dalla sua piattaforma e ha ingannato i clienti sulle sue normative.

Finanza Ha promesso ha fortemente argomentato contro la causa e ha affermato che la causa riflette il “rifiuto ingiusto e consapevole” della SEC di fornire chiarezza e guida all’industria delle criptovalute.

L’attrito di Coinbase con Gensler risale al 2021, quando la SEC ha minacciato di citare in giudizio Coinbase se avesse consentito agli utenti di guadagnare interessi prestando asset digitali. L’azienda ha abbandonato l’idea.

Il caso è SEC contro Coinbase Inc et al, tribunale distrettuale degli Stati Uniti, distretto meridionale di New York, n. 23-04738.

Segnalazione di Jonathan Stempel a New York; Segnalazioni aggiuntive di Hannah Long e Michelle Price a Washington, DC e Manya Saini a Bangalore; Montaggio di Jason Neely, Louise Heavens, Chisu Nomiyama e Nick Zieminski

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *