Isole Salomone: la Cina e l’Occidente seguono da vicino le elezioni nel Pacifico

fonte dell'immagine, AAP/REUTERS

didascalia dell'immagine, Oggi nelle Isole Salomone si tengono le elezioni nazionali e provinciali

Nelle Isole Salomone, la notte prima delle elezioni è conosciuta come la Notte del Diavolo.

I candidati politici pagano tangenti, offrendo di tutto, dai contanti ai sacchi di riso e ai pannelli solari di fabbricazione cinese per assicurarsi voti dell’ultimo minuto.

La compravendita di voti è una tattica comune nelle elezioni nel Pacifico, difficile da eliminare nonostante le rigide leggi elettorali.

Ma non è questo il motivo per cui alcune delle maggiori potenze mondiali prestano così tanta attenzione al voto di mercoledì.

Questa remota nazione insulare ha svolto un ruolo chiave nell’influenzare la Cina e gli Stati Uniti – insieme al suo alleato Australia – nella regione.

Tuttavia, una volta tornati sul campo, gli elettori si concentreranno principalmente sui bisogni immediati. Oltre l'80% della popolazione di 700.000 abitanti vive fuori dalla capitale Honiara, la maggior parte senza accesso ai servizi di base come elettricità, assistenza medica, scuole e trasporti.

Perché la Cina è una questione elettorale

Le elezioni di mercoledì – posticipate rispetto allo scorso anno – rappresenteranno la prima volta in cui i cittadini potranno votare nelle Isole Salomone da quando le elezioni si sono spostate da ovest verso Pechino.

Di conseguenza, il referendum potrebbe essere visto come un “referendum” sull’adesione dell’attuale leader Manasseh Sogavare alla Cina, afferma Edward Cavanaugh, un ricercatore che ha viaggiato per il paese per il suo libro “Divided Isles” che documenta il ritorno a Pechino.

Le Isole Salomone, situate a circa 1.600 km (900 miglia) a nord dell'Australia, sono uno dei paesi più poveri della regione a causa di decenni di conflitti tribali.

Fino al 2017, l’Australia ha guidato qui la missione di mantenimento della pace.

Due anni dopo, dopo il ritiro della missione, il primo ministro Sogavare ha scelto di abbandonare le relazioni diplomatiche decennali del suo Paese con Taiwan a favore di Pechino. Poi, nel 2022, ha firmato un patto di difesa con la Cina, i cui dettagli non sono ancora noti pubblicamente.

Ciò ha fatto scattare importanti campanelli d’allarme per l’Australia e gli altri vicini del Pacifico. Ad un certo punto si vociferava che l’accordo avrebbe consentito alla Cina di stabilire una base navale nella regione del Pacifico dominata dagli Stati Uniti – voci che lo stesso Sokavar ha respinto.

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine, Il primo ministro delle Isole Salomone Sokaware (3° a sinistra) incontra il presidente cinese Xi Jinping (1° a destra) a Pechino nel 2019

Tuttavia, se dovesse vincere ancora, il primo ministro si è solo impegnato ad approfondire i legami: vede Pechino come un fornitore della futura prosperità del suo paese, rendendo chiaro anche il suo disprezzo per i tradizionali alleati Australia e Stati Uniti.

Gli aiuti e gli investimenti cinesi sono affluiti nel Paese dopo che l’accordo ha portato nuovi stadi, strade e altre infrastrutture. Lo scorso anno Sogavare ha dichiarato alle Nazioni Unite che la Cina era il principale partner infrastrutturale di Salomon.

Come funzionano le elezioni?

I cittadini di circa 900 isole si recheranno alle urne tra le 07:00 e le 16:00 ora locale (23:00 GMT) per votare per i rappresentanti nazionali e provinciali.

50 MB di posti da coprire. Successivamente si svolgono i negoziati per formare una coalizione di governo, con i parlamentari che votano tra loro per eleggere il Primo Ministro.

Le linee del partito non sono storicamente coerenti e più di 100 candidati si candidano come indipendenti. Solo 20 candidati erano donne: un problema di vecchia data.

Le due coalizioni concorrenti (DCGA e CARE) stanno mettendo in campo abbastanza candidati per vincere, afferma Mac Keane, analista del Pacifico presso il think tank australiano di politica estera Lowy Institute.

fonte dell'immagine, AAP/REUTERS

didascalia dell'immagine, I sostenitori di diversi candidati si sono riversati nella capitale la scorsa settimana

Principali candidati alla carica di Primo Ministro:

  • L'attuale leader è Manase Sogavere (DCGA Alliance), è considerato in una buona posizione per tornare al potere grazie ai modelli di spesa politica che favoriscono il governo in carica. Ha servito quattro mandati come primo ministro, ma nessun primo ministro è stato rieletto consecutivamente
  • Peter Kenilorea Jr., Presidente del Partito Unito (U.P.), vuole abolire il patto di difesa della Cina e favorisce i legami con l’Occidente. Ex funzionario delle Nazioni Unite, è il figlio del primo primo ministro delle isole dopo l'indipendenza dalla Gran Bretagna
  • Matthew Vale e l'ex primo ministro Rick Huh (CARE) hanno formato una coalizione incentrata sull'istruzione e la salute e su una politica estera che dà priorità agli interessi nazionali delle Isole Salomone.
  • Gordon Darcy LiloPartito per l'avanzamento rurale delle Isole Salomone (CIPRA), ex primo ministro che si batte per il cambiamento.
READ  Donald Trump incriminato nell'indagine sui documenti riservati

Quali sono le preoccupazioni riguardo ai voti?

Al di là della geopolitica, gli analisti affermano che si tratta dell’elezione più significativa per stabilizzare la democrazia in un paese con una storia di rivolte e colpi di stato.

Il ricordo delle recenti rivolte nella capitale Honiara persiste ancora, incluso quello del 2021, quando i manifestanti tentarono di bruciare la casa del primo ministro, ribollendo di rabbia per la corruzione della classe politica, la povertà persistente e la svolta del Paese verso la Cina.

Si tratta delle seconde elezioni nel Paese dal ritiro del Comitato di assistenza regionale guidato dall'Australia.

Tra le preoccupazioni di lunga data su pratiche come la Notte del Diavolo, il Paese dispone di osservatori elettorali per monitorare se i voti soddisfano standard equi e indipendenti. Il rapporto Australian Educators' Election Watch, sulle ultime elezioni del 2019, I candidati hanno donato generosamente denaro e altre cose.

“Nelle Isole Salomone, le elezioni si combattono principalmente su questioni e impegni locali. I candidati con tasche profonde e sostenitori facoltosi possono ottenere un sostegno migliore e comprare voti”, afferma il dottor Keane.

Ma c’è corruzione anche nei negoziati post-voto, dove “denaro, promesse ministeriali e blocchi degli alberghi vengono utilizzati per ottenere sostegno alle coalizioni di governo”. Secondo il resoconto elettorale del dottor Keane La settimana scorsa.

Alcuni politici hanno anche accusato Pechino di interferenze elettorali, come sottolineano alcuni ricercatori L'Ambasciata cinese ha consegnato i premi Reti da pesca, coltelli, serbatoi d'acqua e luci solari nella provincia chiave di Malaita, giorni prima del voto.

Precedenti ricerche condotte da accademici australiani hanno scoperto che la Cina, e prima ancora Taiwan, investono dollari in “fondi per lo sviluppo elettorale” dei parlamentari, che sono considerati fondi neri da utilizzare in modo efficace.

Il dottor Keane sostiene che i soldi sono andati solo ai parlamentari che hanno sostenuto il primo ministro Sogavere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *