Le Maldive firmano un patto militare con la Cina, ulteriore disimpegno dall’India

Liu Bin/Xinhua/Getty Images

Il presidente delle Maldive Mohamed Muisu ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping a Pechino il 10 gennaio 2024.



CNN

Martedì le Maldive hanno dichiarato che la Cina le fornirà “assistenza militare”, ulteriore segnale che il cambiamento pro-Cina dell’arcipelago dell’Oceano Indiano dopo l’elezione del presidente Mohamed Muisu lo scorso anno è ben avviato.

Lunedì il Ministero della Difesa delle Maldive ha firmato un accordo con Pechino “sulla fornitura di assistenza militare da parte della Cina” e ha affermato che l’accordo favorirà “legami bilaterali più forti”, secondo un post sul sito di social media X.

I dettagli sullo scopo degli aiuti non sono stati rilasciati, ma il ministero ha affermato che l'accordo era “gratuito” – o fornito gratuitamente.

La mossa fa parte di una spinta del presidente Muizu, insediatosi a novembre in seguito alla sua campagna elettorale “India Out”, che prometteva di rimuovere le truppe indiane dal suolo maldiviano e di riaffermare la sovranità nazionale “perduta”.

A gennaio, l'ufficio del presidente aveva dichiarato che Muisu aveva fissato la scadenza del 15 marzo per il ritiro completo delle truppe indiane di stanza nell'arcipelago. Un aggiornamento dal suo ufficio il mese scorso affermava che i negoziati avevano concordato un ritiro graduale delle truppe, il primo prima del 10 marzo e il resto prima del 10 maggio.

Secondo Reuters, ci sono 77 soldati indiani e 12 soldati indiani alle Maldive. L'India ha fornito alle Maldive due elicotteri e un aereo Tornier, utilizzati principalmente per la sorveglianza marittima, le operazioni di ricerca e salvataggio e le evacuazioni mediche, ha riferito Reuters.

Il nuovo accordo con la Cina segna un cambiamento significativo nella politica estera delle Maldive rispetto al predecessore pro-India di Muisu, Ibrahim Mohamed Solih.

READ  Risultati, giochi e aggiornamenti del torneo NCAA 2024: segui l'azione March Madness di sabato dal vivo

Il piccolo paese dell'Asia meridionale è considerato a livello internazionale una destinazione turistica popolare per le sue spiagge di sabbia bianca e le lagune turchesi.

Ma l’arcipelago di quasi 1.200 isole coralline basse, con una popolazione di meno di mezzo milione di abitanti, si trova a cavallo di corsi d’acqua e rotte marittime strategicamente importanti nell’Oceano Indiano.

Grazie alla vicinanza geografica e ai forti legami storici ed economici, l’India è da decenni uno stretto partner delle Maldive e Nuova Delhi considera la regione parte della sua tradizionale sfera di influenza.

Ma le Maldive sono da tempo al centro di un conflitto geopolitico con India e Cina in competizione per l’influenza.

La Cina ha sempre più ampliato la propria presenza alle Maldive attraverso progetti infrastrutturali su larga scala come quello da 200 milioni di dollari. Ponte dell’Amicizia Cina-Maldive.

Ci sono ricercatori detto in precedenza alla CNN Una presenza cinese alle Maldive potrebbe compromettere la sicurezza indiana, data la vicinanza dell’arcipelago alla costa occidentale dell’India.

A gennaio, Muizu ha effettuato una visita di stato a Pechino e i due paesi hanno firmato 20 accordi riguardanti la cooperazione in infrastrutture, commercio, economia, sviluppo verde, sussidi e altri progetti di sviluppo.

Di questi, circa 127 milioni di dollari sono stati finanziati per migliorare le strade e costruire 30.000 case sociali nella capitale Malé, secondo un comunicato stampa dell'Ufficio del Presidente.

Durante la visita, Muizu ha elogiato la Cina come “uno dei più stretti alleati e partner di sviluppo delle Maldive”.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha detto martedì ai giornalisti che Pechino è “impegnata a costruire un partenariato strategico globale con le Maldive”.

READ  PGA Tour e LIV annunciano una fusione scioccante per porre fine all'amara spaccatura

“La normale cooperazione tra Cina e Maldive non prenderà di mira nessun terzo e non sarà interrotta da alcun terzo”, ha affermato.

Nel suo discorso presidenziale del 5 febbraio, ha affermato che le Maldive hanno bisogno di rafforzare le proprie capacità militari e che la loro forza di difesa dovrebbe raggiungere capacità di sorveglianza 24 ore su 24 nella zona economica esclusiva di 900.000 chilometri quadrati del paese.

Il governo inoltre non rinnoverà un contratto per aiutare i paesi stranieri a misurare e mappare gli oceani e le coste delle Maldive, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *