Attacco missilistico Houthi su una nave mercantile uccide tre militari statunitensi

  • Di Tom Spender, Joshua Cheatham e Frank Gardner
  • notizie della BBC

didascalia dell'immagine,

Una foto della nave mercantile è stata rilasciata dal Comando Centrale degli Stati Uniti

Funzionari statunitensi affermano che un attacco missilistico Houthi contro una nave mercantile nel sud dello Yemen ha ucciso tre membri dell'equipaggio: le prime morti per gli attacchi del gruppo alle navi mercantili.

La True Hope, battente bandiera delle Barbados, è stata abbandonata e alla deriva con il fuoco a bordo dopo l'attacco.

È stato colpito nel Golfo di Aden intorno alle 11:30 GMT, hanno detto le forze armate statunitensi.

Gli Houthi affermano che i loro attacchi sono stati effettuati a sostegno dei palestinesi nella guerra in corso tra Israele e Hamas a Gaza.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), che supervisiona le operazioni in Medio Oriente, ha affermato che tre membri del personale sono stati uccisi e almeno altri quattro sono rimasti feriti, di cui tre in modo grave.

“Questi attacchi sconsiderati da parte degli Houthi hanno interrotto il commercio globale e causato la morte di marittimi internazionali”, ha pubblicato sui social media.

In una dichiarazione, il gruppo pro-Iran ha affermato che il gruppo di True Faith ha ignorato gli avvertimenti della marina Houthi.

L'ambasciata britannica nello Yemen ha affermato che la morte dei marinai è stata una “triste ma inevitabile conseguenza del lancio sconsiderato di missili da parte degli Houthi contro le navi internazionali” e ha sollecitato la fine degli attacchi.

Funzionari statunitensi e britannici avevano precedentemente riferito di due morti e sei feriti.

La nave aveva un equipaggio di 20 persone, tra cui un indiano, quattro vietnamiti e 15 cittadini filippini. A bordo c'erano tre guardie armate, due dello Sri Lanka e una del Nepal.

L'attacco è avvenuto a 50 miglia nautiche (93 km) a sud-ovest di Aden, nello Yemen, ha detto in una nota un portavoce dei proprietari e dei gestori della nave.

In seguito all'attacco, la TV Al-Masira gestita dagli Houthi ha riferito mercoledì sera che due attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti hanno preso di mira l'aeroporto internazionale della città portuale di Hudaydah, sul Mar Rosso, controllata dagli Houthi.

Secondo l'agenzia United Kingdom Maritime Trade Operations (UKMTO), True Hope è stata salutata alla radio VHF da un gruppo che si autodefinisce “Yemen Navy”.

Le navi vicine hanno poi riferito di un forte rumore e di un enorme pennacchio di fumo.

L’UKMTO ha affermato che la True Confidence è stata colpita e danneggiata e che le navi militari dell’Alleanza marittima internazionale guidata dagli Stati Uniti stavano supportando la nave e il suo equipaggio.

Il Centro per la sicurezza marittima dell'Unione europea-Corno d'Africa (MSCHOA) ha affermato che sono in corso ulteriori operazioni di salvataggio e recupero.

Gli Houthi hanno affermato nella loro dichiarazione che la True Hope era una “nave statunitense”, ma un portavoce ha detto che la nave “non ha alcun collegamento attuale con alcuna entità statunitense”.

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha affermato che Washington continuerà a ritenere gli Houthi responsabili e che i governi di tutto il mondo dovrebbero fare lo stesso.

“Gli Houthi continuano a compiere questi attacchi sconsiderati senza riguardo per il benessere dei civili innocenti che attraversano il Mar Rosso, e ora hanno purtroppo e tragicamente ucciso civili innocenti”, ha affermato Matthew Miller.

“Condanniamo gli attacchi sconsiderati e indiscriminati degli Houthi contro il trasporto marittimo globale e devono cessare”, ha affermato il ministro degli Esteri britannico Lord Cameron.

“Continueremo a difendere la libertà di navigazione e a sostenere le nostre parole con i fatti”, ha scritto sui social media.

True Confidence è di proprietà di True Confidence Shipping SA, registrata ad un indirizzo in Liberia e gestita da Third January Maritime Limited in Grecia, hanno affermato le due società in una nota.

Tuttavia, in precedenza era di proprietà della Oaktree Capital Management, con sede negli Stati Uniti, ha riferito AP. Oaktree ha rifiutato di commentare l'AP.

La nave portarinfuse stava navigando da Lianyungang in Cina a Jeddah in Arabia Saudita, secondo i dati rilevati, e trasportava un carico di prodotti siderurgici e camion, ha detto un portavoce.

Dopo quasi quattro mesi di attacchi di droni e missili da parte degli Houthi contro le navi nel Golfo di Aden e nel Mar Rosso, un attacco mortale potrebbe essere inevitabile, ha affermato l’ambasciata britannica.

Una task force navale guidata dagli Stati Uniti nella regione ha abbattuto molti di questi missili e droni, ma ce ne sono troppi per distruggerli ciascuno.

Gli Houthi sembrano averne una scorta inesauribile. Mette in discussione l’efficacia di una campagna di attacchi aerei guidata dagli Stati Uniti contro i siti di lancio degli Houthi, i depositi di munizioni e le posizioni di comando e controllo.

Ora che gli attacchi degli Houthi sono diventati più mortali, ci sono richieste di intensificare le ritorsioni contro di loro, ampliando la gamma di obiettivi nello Yemen. Ma la situazione umanitaria a Gaza rischia di aggravarsi in una regione già tesa.

Gli Houthi affermano che stanno effettuando l’attacco a sostegno dei palestinesi. Gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Bahrein e molti altri paesi hanno chiesto la fine immediata degli attacchi Houthi alle navi.

Martedì, le forze statunitensi hanno abbattuto un missile balistico e tre droni sulla USS Carney, un cacciatorpediniere al largo dello Yemen, seguito da tre missili antinave e tre droni marittimi.

Nel frattempo, lunedì la Marina indiana ha contribuito a spegnere un incendio a bordo della nave portacontainer MSC Sky II, che ha riferito che il suo operatore è stato colpito da un missile che ha causato un piccolo incendio ed è rimasto illeso.

Domenica, la nave mercantile Rubimar, battente bandiera del Belize, è affondata nel Mar Rosso, due settimane dopo essere stata colpita dai missili lanciati dagli Houthi. È stata la prima nave ad essere affondata da quando sono iniziati gli attacchi degli Houthi a novembre.

Quando fu attaccata, Rubimar si trovava vicino allo stretto di Bab al-Mandab, che collega il Golfo di Aden al Mar Rosso. L'equipaggio fu tratto in salvo e la nave iniziò lentamente a imbarcare acqua.

Trasportava un carico di 21 tonnellate di fertilizzante a base di nitrato di ammonio, che secondo l'esercito americano rappresentava un pericolo ambientale nel Mar Rosso.

READ  Rapporto CPI: l'inflazione annuale lo scorso mese si è raffreddata al livello più basso da aprile 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *