Notizie sulla guerra Russia-Ucraina: la ribellione di Prigozhin mette in discussione la presa di Putin, il futuro del gruppo Wagner

La ribellione di breve durata del presidente del gruppo Wagner Yevgeny Prigozhin ha costretto a guardare più da vicino la presa del potere del presidente russo Vladimir Putin. Il sistema politico russo “mostra le sue debolezze e il suo potere militare si sta incrinando”, ha detto lunedì il capo della politica estera dell’UE Joseph Borrell a un vertice dei ministri degli Esteri dell’UE a Lussemburgo.

Ci sono domande su dove si trovino Putin e Prigogine – nessuno dei quali è stato visto in pubblico dalla fine dell’episodio – e sul futuro dei mercenari di Prigogine nel gruppo di Wagner.

Ecco le ultime novità sulla guerra e sui suoi effetti a catena in tutto il mondo.

Ora, in seguito alla ribellione di breve durata, Prigozhin è stato esiliato in Bielorussia, una dittatura più isolata della Russia e spesso indicata come la Corea del Nord europea, riferisce Mary Ilyushina.

Su alcuni livelli, la scommessa più sfacciata di Prigozhin è chiaramente fallita: la sua insurrezione si è conclusa senza estromettere i suoi acerrimi nemici, il ministro della Difesa Sergei Shoigu e il generale Valery Gerasimov, i comandanti generali della guerra in Ucraina. Ma non ha perso del tutto il suo personale talento da mercenario, e sembra aver ottenuto un certo plauso in Russia: ha ricevuto un famoso saluto mentre lasciava la città di Rostov sul Don dopo la notizia del suo accordo con Putin. , molti locali si sono precipitati ad applaudire e fare selfie.

READ  Il presidente polacco firma il "Tusk Act" per l'indebita influenza russa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *