Un giudice del processo penale sta indagando sul tentativo di Trump di ritardare il processo delle ultime elezioni

  • Il giudice Eileen Cannon ha messo in dubbio la motivazione di Donald Trump a ritardare il suo processo penale federale oltre le elezioni del novembre 2024.
  • Il giudice, che è stato nominato da Trump quando era presidente, non è stato favorevole al desiderio del consigliere speciale di aprire un’indagine a dicembre.
  • Trump è il favorito per la nomina presidenziale repubblicana del 2024.

Gli avvocati dell’ex presidente Donald Trump Chris Kiss (C) e Todd Blanche (R) arrivano al tribunale degli Stati Uniti Aldo Lee Adams Sr. a Fort Pierce, in Florida, il 18 luglio 2023.

Joe Radle | Belle foto

Il giudice che presiede il procedimento penale federale di Donald Trump martedì è apparso scettico sull’argomento dell’ex presidente secondo cui l’indagine sulla sua gestione di documenti classificati dovrebbe essere ritardata oltre le elezioni del 2024, ha riferito NBC News.

Ma il giudice Eileen Cannon, nominato da Trump alla panchina federale, non ha mostrato alcun favore nei confronti della posizione del Dipartimento di Giustizia secondo cui il processo dovrebbe iniziare a metà dicembre.

“Posso capire che è necessario più tempo, ma alcune tempistiche possono essere chiaramente stabilite ora”, ha detto Cannon, ha riferito la NBC.

Il processo si è concluso senza un verdetto. Ma il giudice ha accantonato alcune argomentazioni, in particolare quella avanzata da un avvocato difensore che ha sostenuto che Trump non può ottenere una giuria equa per ascoltare il suo caso quando è uno dei migliori candidati alla presidenza, secondo Ken Dilanian della NBC. Trump ha un chiaro vantaggio nel campo delle primarie repubblicane.

READ  Chuck Todd lascia il panel politico della NBC "Meet the Press" e viene sostituito da Kristen Welker

L’azione di martedì pomeriggio ha segnato la prima udienza preliminare in un procedimento penale federale senza precedenti contro l’ex presidente e il suo aiutante, Walt Nauta.

Walt Nauta, assistente personale dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, lascia il tribunale degli Stati Uniti di Fort Pierce dopo un’udienza il 18 luglio 2023 a Fort Pierce, in Florida.

Maria Alejandra Cardona | Reuters

Trump affronta 37 conteggi di crimini per cattiva gestione di documenti classificati dopo aver lasciato la Casa Bianca. Le accuse più gravi a suo carico comportano una pena massima di 20 anni di reclusione. Si è dichiarato non colpevole a tutti i costi il ​​13 giugno. Nauta, cameriere e coimputato di Trump, si è dichiarato non colpevole di sei accuse penali all’inizio di questo mese.

L’udienza si è svolta presso il tribunale federale di Fort Pierce, in Florida, davanti a Cannon, che ha presieduto una controversia legale separata sui documenti riservati che l’FBI ha sequestrato a Mar-a-Lago.

Ha attirato le critiche degli esperti legali in materia quando ha acconsentito alla richiesta di Trump di nominare un’autorità indipendente per esaminare i documenti sequestrati, interrompendo temporaneamente le indagini del Dipartimento di Giustizia.

L’udienza di martedì era stata originariamente programmata per affrontare il modo in cui verranno gestite le informazioni altamente riservate al centro del caso. Ma lunedì, Cannon ha detto alle parti di essere pronte a discutere proposte su quando dovrebbe iniziare il processo.

Il procuratore Jay Pratt ha dichiarato all’udienza che finora sono state prodotte 1,1 milioni di pagine di documenti come parte del processo di condivisione delle prove noto come scoperta. Quel totale include 1.545 pagine di risultati declassificati, ha detto Pratt, secondo la NBC.

READ  Le Filippine stanno dando agli Stati Uniti un maggiore accesso alle basi tra le preoccupazioni della Cina

Il DOJ ha anche respinto l’idea che lo status di Trump come ex presidente e attuale candidato alla presidenza significasse che dovrebbe essere trattato in modo diverso, ha riferito la NBC. L’avvocato David Harbaugh sostiene che i tribunali hanno fatto affidamento su meccanismi per generazioni per aiutare a selezionare le giurie in modo equo, indipendentemente dalla popolarità o dallo status dell’imputato.

Nel tentativo di posticipare la data del processo, gli avvocati di Trump hanno affermato di avere una grande quantità di informazioni da esaminare, inclusi più di tre anni di filmati di sorveglianza, alcuni dei quali devono ancora essere caricati.

Hanno anche sostenuto che il caso è insolito perché Trump è stato citato in giudizio dall’amministrazione del presidente Joe Biden, il suo potenziale avversario nelle elezioni del 2024, ha riferito la NBC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *