In Sardegna torna il baratto

1.6K Flares Facebook 1.5K Twitter 62 Google+ 15 LinkedIn 8 1.6K Flares ×

Il baratto sta tornando in Ogliastra (Sardegna) come credo in molte altre parti di Italia e del mondo. Schiacciati dalla crisi, dalla disoccupazione e dai debiti, il baratto mi pare la cosa più sensata e nobile su cui possiamo fare affidamento. Qualche giorno dopo la pubblicazione della mia lettera sul blog L’isola dei cassintegrati, in cui invitavo a rinverdire questa pratica, mi chiamò una giornalista del Tg2 per chiedermi se potevo farle da Cicerone per un servizio sull’argomento.

Non ho avuto molta difficoltà a trovare testimonianze, chiaramente è stato più difficile trovare persone disposte a parlarne davanti alle telecamere. Come accade spesso, infatti, alcune persone hanno una sorta di atavico pudore a toccare certi argomenti, come se parlare di certe pratiche svilisca o dia una cattiva immagine di sé e del proprio territorio.

Nel servizio del Tg2 (che potete vedere qui sopra) appaiono un pescatore, un allevatore, un agricoltore e una titolare di albergo, ma questi sono solo la punta di un icebearg sempre più grande.

Appena iniziata la mia microindagine alla ricerca di testimoni, il mio edicolante mi ha confessato che suo cognato, possessore di un piccolo escavatore, lavora per il 40% ricevendo beni materiali, cibo e altri servizi in cambio delle sue prestazioni professionali. Un albergatore mi ha confidato che un cliente ha pagato il suo soggiorno di agosto dando come contropartita tre frigoriferi “nuovi di pacca” del suo negozio recentemente fallito.

La cosa stupefacente è che il servizo sul baratto in Ogliastra ha spinto un intelligente ogliastrino, Giangiacomo Pisu, tra l’altro autore di vari libri sulla Sardegna, a creare un gruppo su Facebook chiamato ‘Baratto Ogliastra che conta con più di 2200 iscritti. In questo gruppo la gente offre libri, olio, soggiorni turistici, moto, lezioni di lingue e le cose più disparate. Dopo pochi giorni hanno cominciato a nascere altri gruppi anche in altre parti della sardegna. Pian piano la piattaforma di Facebook è servita a un fine nobilissimo, un esempio di integrazione, tra saggezza e pragmaticità popolare e tecnologia.

Dopo il servizio di rai 2 molte persone dell’Ogliastra si sono sentite poco rappresentate da Romano il pescatore, da Andrea e Basilio da Urzulei e da Patrizia l’albergatrice, in quanto artefici, secondo loro, di una pratica desueta e di cui vergognarsi. Ma questi contestatori sono stati smentiti da un coro sempre più nutrito di questa realtà che crea inaspettati fermenti. Qualche giorno dopo, infatti, uno dei detrattori del servizio al Tg2 ha pubblicato un annuncio nel gruppo ‘Baratto Ogliastra‘ per barattare una sorbettiera.

Alla fine il baratto ha vinto.

A proposito io offro un soggiorno di due settimane in un appartamento a Santa Maria Navarrese in cambio di uno in un’altra località balneare. Baratto signori, baratto… e la paura dello spread passa subito!

di Pietro Mereu | @pietromereu

- Sul blog di Dario Salvelli potete leggere anche altri casi italiani di baratto -

1.6K Flares Facebook 1.5K Twitter 62 Google+ 15 LinkedIn 8 1.6K Flares ×

Tags: , , , , , , ,

  • antonio de gioia

    La gente sta capendo prima della classe dirigente (…verso il baratro) il problema dell’economia. c’e’ bisogno di circolazione della moneta, bisogna stampare moneta e regalarla agli stati. in mancanza di questo ci si inventa una nuova monenta (inesistente che quindi “degenera” nel baratto).

    Oh l’europa accetta di stampare moneta in modo illimitato, o gli stati messi peggio usciranno dall’euro, o la gente tornera’ al baratto.

    Il debito pubblico con moneta sovrana (il quale euro non e’ per l’italia, ma la sarebbe la Lira) e’ un falso problema: vedere Modern Money Theory.

  • http://www.armediannunci.com aannunci.com

    In sardegna da 30 anni esiste il baratto, settimanale di inserzioni gratuite, presente in tutte le edicole della sardegna. Facendo una semplice telefonata al n. 0704070 o inviando una mail a [email protected] è possibile inserire un annuncio per vendere, scambiare, affittare, permutare o regalare qualsiasi cosa. Suona strano che i Sardi si siano dimenticati di avere questo strumento per fare affari con qualunque cosa si possa riutilizzare. Quindi amici, andate in edicola e comprate il baratto. Noi siamo puntuali in ogni edicola della Sardegna ogni mercoledi insieme ai quotidiani.

  • alessandra pizzullo

    miei cari del baratto, evviva il baratto se ci aiuta! Noi stiamo producendo uno spettacolo in questo modo: la costumista riceve lezioni d’inglese per suo figlio e in cambio si occupa dei costumi, il grafico crea la locandina e riceve lezioni di pilates, e via dicendo, e che male c’è? questo sistema antico crea valore, amicizia. Certo è più lento ma che importa. Un modo creativo per uscire dalla crisi o aspettare che passi. La mia prossima mossa sarà lezioni di inglese in cambio di massaggi. La massaggiatrice è pronta, ed è sarda anche se siamo a Palermo

  • Pingback: In Sardegna si torna al baratto « Progetto degli Orti

Top post

Post recenti