Michele Azzu

Post recenti

La guerra fra vecchi e giovani di cui non si parla più

Ieri mattina a Roma c’è stata la protesta dei giornalisti precari davanti la sede del sindacato Fnsi. Reo, quest’ultimo, di avere firmato l’accordo sull’equo compenso. 120 milioni di euro dal governo per i prepensionamenti a fronte di un compenso minimo di 20 euro a pezzo per i precari. Ma i fatti di ieri mattina sono […]

Continua a Leggere...

Lavoro ai giovani: il caos delle regioni

Nel nostro paese i disoccupati tra i 15 e il 24 anni sono il 43,3 per cento. Ma il programma europeo per impiegare i giovani, partito due mesi fa, stenta a decollare. Perché ogni regione può fare a modo suo. E in molte è caos. L’inchiesta di Michele Azzu per L’Espresso. “Garanzia Giovani” compie due mesi: sono passati […]

Continua a Leggere...

Electrolux, tutto quello che non è stato detto sull’accordo

Il “patto” firmato a Palazzo Chigi salva 1.200 posti di lavoro. Entusiasti i ministri, Matteo Renzi, i sindacati. Eppure i sindacalisti territoriali non hanno potuto leggere il testo prima della firma. E la velocizzazione della produzione rischia di scontrarsi con l’insorgere di patologie professionali. L’inchiesta di Michele Azzu per L’Espresso. Il 15 maggio si è conclusa la […]

Continua a Leggere...

Morti sul lavoro, ‘L’isola dei cassintegrati’ ospite del Tg3

Le morti sul lavoro sono un problema politico. Se gli incidenti si ripetono sugli stessi luoghi – all’Ilva, alla Marcegaglia, alla metro di Roma – vuol dire che qualcosa non va. Michele Azzu ha partecipato come ospite nella trasmissione del Tg3 “Fuori Tg” del 26 giugno per parlare della sua inchiesta sulla strage morti sul lavoro […]

Continua a Leggere...

Cosa ci ha insegnato il 1 maggio di Taranto senza sindacati

Nella città dell’Ilva si è svolta una giornata alternativa a quella organizzata dai sindacati a Piazza San Giovanni a Roma. Per marcare la differenza su come si deve intendere la lotta per i diritti e per il lavoro. L’articolo di Michele Azzu per L’Espresso. «Il primo maggio ci deve ricordare che alla base del lavoro, del […]

Continua a Leggere...

Perché continuiamo a morire di lavoro in Italia

Le statistiche fotografano un Paese in cui si continua a perdere la vita nei cantieri e nelle fabbriche. E la battaglia per la sicurezza sembra interessare solo ai familiari delle vittime e a pochi altri. L’inchiesta di Michele Azzu per l’Espresso. “Stato… Stato… giustizia…”, dice così il padre di una delle vittime del rogo alla Thyssen di […]

Continua a Leggere...

La ‘Repubblica del call center’ scende in piazza il 4 giugno

“Da Milano a Taranto, da Pistoia a Catania i call center italiani, in questi giorni, sono attraversati da un’unica parola d’ordine: tutti a Roma il 4 giugno”. Con queste parole si lancia ufficialmente la campagna per la manifestazione nazionale dei call center a Roma. Contro delocalizzazioni e abbassamento dei salari. Quel giorno i 90.000 lavoratori […]

Continua a Leggere...

‘Vinciamo noi, ma chi ride è Fiat’

Alcuni dipendenti dello stabilimento Fiat di Melfi avevano fatto ricorso per essere stati trasferiti in un reparto non idoneo alle loro condizioni di salute. Ora hanno vinto il ricorso. Ma non torneranno alla catena di montaggio. Perché nel frattempo sono stati “venduti” assieme al traferimento del loro ramo d’azienda. L’inchiesta di Michele Azzu per l’Espresso. “Michele Corbosiero […]

Continua a Leggere...

Presidio Alcoa: ‘Da 5 mesi non ci pagano la cassa integrazione’

Gli operai Alcoa e dell’indotto sono in presidio da oltre due settimane nelle tende, appena fuori la fabbrica. Uno scenario post apocalittico, con la fabbrica da una parte, arrugginita, e fuori l’accampamento, con gli operai che montano e smontano, fanno lavori. Perché? “Volevamo rilanciare la mobilitazione, dopo il silenzio dell’ultimo anno”, spiega Pierpaolo Gai, rappresentante […]

Continua a Leggere...

Ho 5 dubbi sull’accordo Electrolux

Lo dico subito, non sono contrario a priori all’accordo firmato il 15 maggio a Palazzo Chigi sulla vertenza Electrolux, che ha permesso di salvare 1.200 licenziamenti annunciati. E senza tagli al salario. Se tutte le vertenze industriali fossero andate in questo modo negli ultimi 5 anni, oggi vivremmo in un altro paese. Però, prima di […]

Continua a Leggere...