È probabile che un giudice respinga l’offerta di Trump di trasferire il caso del denaro segreto alla giurisdizione federale

Le possibilità dell’ex presidente Donald Trump di spostare il caso del denaro segreto dal tribunale statale alla sede federale stanno diminuendo.

Il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Alvin Hellerstein ha indicato martedì che probabilmente si pronuncerà contro un tentativo di trasferire il procedimento penale contro Trump al tribunale federale.

Hellerstein ha ripetutamente messo in dubbio l’argomentazione avanzata dagli avvocati di Trump: le accuse di silenzio del 2017 relative al suo ruolo di presidente sono state incriminate quest’anno.

“È molto chiaro che la condotta di cui è accusato il presidente non ha nulla a che fare con qualcosa sotto il colore del suo ufficio”, ha detto Hellerstein agli avvocati di Trump e all’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan. – Mezz’ora.

Il giudice ha detto che pronuncerà il verdetto nel caso in due settimane.

Trump si è dichiarato non colpevole ad aprile presso il tribunale penale statale per 34 reati di falsificazione di documenti aziendali relativi al suo ruolo nei pagamenti segreti alla fine della sua campagna presidenziale del 2016.

Nei documenti depositati in tribunale, i pubblici ministeri hanno affermato che Trump “ha ripetutamente e fraudolentemente falsificato i documenti aziendali di New York per coprire la condotta criminale che ha nascosto informazioni dannose al pubblico votante durante le elezioni presidenziali del 2016”.

Ciò includeva un pagamento di $ 130.000 da parte del suo allora avvocato Michael Cohen alla star del cinema per adulti Stormi Daniels negli ultimi giorni della campagna per tacere su una presunta relazione con Trump.

Cohen ha affermato di aver effettuato i pagamenti sotto la direzione di Trump, e Trump ha riconosciuto di aver rimborsato Cohen attraverso le spese fatturate come spese legali. Trump ha negato di avere una relazione con Daniels.

READ  George Santos: gli avvocati del Dipartimento di Giustizia chiedono alla FEC di indagare sul membro del Congresso di New York

Nella loro dichiarazione al tribunale federale, gli avvocati di Trump hanno sostenuto che il loro cliente aveva assunto Cohen solo per “gestire i suoi affari personali” da quando Cohen è stato eletto presidente, quindi le sue azioni con Cohen erano “collegate o correlate” ai suoi doveri ufficiali.

Martedì Matthew Colangelo dell’ufficio del procuratore distrettuale ha detto al giudice che l’argomento di Trump secondo cui aveva legami con i suoi doveri presidenziali dovrebbe essere respinto.

“Per definizione, scrivere assegni personali non è un atto ufficiale, anche se si trova nello Studio Ovale”, ha detto Colangelo durante l’udienza alla corte federale di Manhattan.

Hellerstein sembra essere d’accordo con Colangelo, concludendo che l’inchiesta ha concluso che “Michael Cohen è stato assunto da un pubblico ufficiale come questione privata, per occuparsi di questioni private”.

Gli avvocati di Trump sostengono che il cambio di giurisdizione al tribunale federale – che aprirebbe ulteriori protezioni per Trump – è necessario in parte perché il caso è “politicamente motivato”.

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg “ha deciso di perseguire ingiustamente il presidente Trump per cattiva condotta legale avvenuta mentre era in carica come presidente”, hanno sostenuto gli avvocati di Trump Todd Blanche e Susan Nechels in un deposito prima dell’udienza di martedì.

L’ufficio del procuratore distrettuale ha negato tale caratterizzazione, affermando che Trump ha violato la legge statale quando è stato accusato dal tribunale statale.

Gli avvocati hanno anche martellato le argomentazioni sull’immunità presidenziale di Trump nei documenti depositati in tribunale.

“Nulla di questa condotta è correlato, correlato, correlato o altrimenti correlato alla responsabilità o all’autorità ufficiale del presidente”, ha affermato uno dei loro documenti.

READ  Brasile: i sostenitori di Bolsonaro rompono le barriere di sicurezza per entrare nel Congresso e nel palazzo presidenziale del Brasile.

“Nessun dovere o responsabilità presidenziale obbliga l’imputato a versare a Cohen un pagamento di $ 130.000 a un’attrice di film per adulti nell’ottobre 2016, accettando di rimborsare a Cohen tale pagamento prima di entrare in carica nel gennaio 2017 e di effettuare pagamenti regolari più tardi nel 2017. Il suo pre-esistente e pre- debito presidenziale da completare”.

Hellerstein, 89 anni, è al timone della controversia dopo che entrambe le parti hanno convenuto che non ha avuto problemi con lui, anche se negli anni ’90 ha svolto un lavoro legale per la società Trump Trump Equitable Fifth Avenue, quando era in uno studio privato.

È stato nominato in panchina nel 1998 dall’allora presidente Bill Clinton.

La questione era stata originariamente assegnata al giudice distrettuale degli Stati Uniti Ronnie Abrams, ma si è ricusata mentre suo marito, Greg Andres, ha indagato sui legami tra la campagna Trump 2016 e la Russia.

L’accusa del procuratore distrettuale contro Trump è il primo caso contro un ex presidente. Trump è stato incriminato in un caso separato in Florida per 37 conteggi di reati federali per cattiva gestione di documenti classificati, tra cui il rifiuto intenzionale di informazioni sulla sicurezza nazionale, dichiarazioni e dichiarazioni false e cospirazione per ostacolare la giustizia.

Si è dichiarato non colpevole in quel caso all’inizio di questo mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *