Gli aiuti per Gaza raggiungono la riva con la prima consegna via mare

didascalia dell'immagine,

I gommoni venivano utilizzati per trasportare le provviste dalla nave Open Arms a un molo appositamente costruito.

La prima nave che trasportava aiuti umanitari a Gaza ha scaricato rifornimenti a terra.

Una nave spagnola della Open Arms ha lasciato Cipro martedì con 200 tonnellate di cibo tanto necessario per Gaza, che secondo le Nazioni Unite è sull’orlo della carestia.

I video pubblicati online mostrano una gru che sposta le casse sui camion in attesa presso un molo appositamente costruito.

Dopo che il trasporto aereo e via terra si è rivelato difficile, ha segnato l'inizio di un esperimento per vedere se il trasporto via mare fosse efficace.

La World Central Kitchen (WCK), in collaborazione con gli Emirati Arabi Uniti (EAU), ha assunto il compito di distribuire la partita di riso, farina, legumi, verdure in scatola e proteine ​​in scatola.

Gaza non ha un porto funzionante, quindi il team di WCK ha costruito un molo al largo della costa. Non è chiaro come verrà distribuito il cibo a Gaza.

Fondatore di WCK, il famoso chef José Andrés, Ha scritto in X (Ex-Twitter) Tutti gli aiuti alimentari dalla barca sono stati caricati su 12 camion.

“Ce l'abbiamo fatta!” Scrisse che era un test per vedere se la prossima nave potesse portare ancora più aiuti, fino a “migliaia di tonnellate a settimana”.

Israele ha dichiarato in un comunicato che una nave a armi aperte e il suo carico sono stati perquisiti a Cipro e che le truppe delle forze di difesa israeliane (IDF) sono state schierate per proteggere la costa.

Titolo del video,

Gaza è stata aiutata a sbarcare dalla barca

Gli equipaggi hanno lavorato tutta la notte per ottenere aiuto sulla terraferma. La consegna era molto attesa poiché la nave ha lasciato il porto di Larnaca martedì.

Se questa missione marittima avrà successo, altre navi umanitarie seguiranno come parte di uno sforzo internazionale per portare più aiuti a Gaza. Le navi navigheranno direttamente nell'area utilizzando la rotta marittima appena aperta.

Separatamente, gli Stati Uniti intendono costruire i propri bacini galleggianti al largo della costa per aumentare le forniture marittime. La Casa Bianca afferma che potrebbero entrare a Gaza due milioni di pasti al giorno, ma restano dubbi sulla logistica del piano, con una nave militare che trasporta attrezzature a bordo per costruire le banchine.

Le operazioni militari e lo sconvolgimento dell'ordine sociale hanno gravemente colpito la consegna degli aiuti, mentre la produzione alimentare di Gaza è stata gravemente colpita, con fattorie, panifici e fabbriche distrutte o inaccessibili.

Le agenzie umanitarie affermano che il modo più rapido ed efficace per portare gli aiuti nella regione è su strada, ma le restrizioni israeliane implicano che venga fornita parte di ciò che è necessario.

Il Programma alimentare mondiale ha dovuto interrompere temporaneamente la distribuzione delle terre a causa del fuoco e dei saccheggi dei convogli. La scorsa settimana un lancio aereo si è rivelato fatale quando cinque persone sarebbero rimaste uccise a causa di un malfunzionamento del paracadute e sarebbero state colpite da un pacchetto di aiuti.

Israele nega con veemenza di essere responsabile della carenza di cibo a Gaza, consentendo gli aiuti attraverso due valichi nel sud. Invece, ha incolpato le agenzie umanitarie per i fallimenti logistici.

A Gaza si sta negoziando un cessate il fuoco. Venerdì Israele ha respinto l'ultimo piano di Hamas.

La guerra è iniziata il 7 ottobre quando uomini armati di Hamas hanno attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo 253 ostaggi. Secondo il ministero della Sanità diretto da Hamas, finora a Gaza sono state uccise più di 31.400 persone.

READ  NAACP Image Awards 2023: Elenco dei vincitori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *