Google licenzia 28 lavoratori per aver protestato contro l'accordo israeliano da 1,2 miliardi di dollari

Google ha licenziato due dozzine di dipendenti per protestare contro il contratto da 1,2 miliardi di dollari della società per fornire servizi cloud e di intelligenza artificiale al governo e all'esercito israeliani.

Il gruppo che ha organizzato la manifestazione, No. Tecnologia per l'apartheid.

I manifestanti sono rimasti seduti nel suo ufficio per più di nove ore, indossando magliette e portando cartelli con la scritta “Mai più genocidio a scopo di lucro”, finché non sono stati arrestati.

È l’ultimo scontro di alto profilo negli Stati Uniti, alimentato dalle tensioni nella guerra tra Israele e Hamas.

“Queste proteste fanno parte di una campagna di lunga durata portata avanti da un gruppo di aziende e persone che per la maggior parte non lavorano in Google”, ha detto mercoledì un portavoce di Google a NBC News in una dichiarazione.

“Un piccolo numero di dipendenti manifestanti è entrato e ha disturbato alcuni dei nostri spazi. Interrompere fisicamente il lavoro di altri dipendenti e impedire loro di accedere alle nostre strutture è una chiara violazione delle nostre politiche e un comportamento completamente inaccettabile. Dopo aver rifiutato molteplici richieste di lasciare i locali, le forze dell'ordine per garantire la sicurezza degli uffici sono impegnate nella loro rimozione”, si legge nella nota.

“Finora abbiamo completato indagini individuali che hanno portato al licenziamento di 28 dipendenti e continueremo a indagare e ad agire come richiesto”, ha aggiunto.

Le proteste sono state guidate dal gruppo di lavoratori tecnologici No Tech for Apartheid, che ha chiesto ad Amazon e Google di abbandonare il loro progetto Nimbus, un contratto congiunto da 1,2 miliardi di dollari per fornire infrastrutture cloud, servizi di intelligenza artificiale e data center al governo e all'esercito israeliani. .

READ  Mock Draft NFL 2024: gli scout prevedono le prime 10 scelte

Ha detto che la tecnologia dell'apartheid ha licenziato i dipendenti di Google “indiscriminatamente” e che i lavoratori si sono “impegnati in un sit-in pacifico e non hanno danneggiato proprietà né minacciato altri lavoratori rifiutandosi di andarsene”.

“Questa scusa per evitare di confrontarsi direttamente con noi e le nostre preoccupazioni e cercare di giustificare i suoi licenziamenti illegali e di ritorsione è una bugia”, ha affermato in una dichiarazione mercoledì scorso, accusando l'azienda di dare più valore al suo contratto con il governo israeliano che ai suoi dipendenti. .

Google ha lanciato un duro avvertimento ai suoi dipendenti, con il vicepresidente della sicurezza globale dell'azienda, Chris Racove, che ha detto: “Se sei uno dei pochi che pensa che trascureremo comportamenti che violano le nostre politiche, ripensaci. Ancora una volta”, secondo una nota interna ottenuta dalla CNBC.

L'agenzia ha inoltre affermato che il suo lavoro “non è destinato a carichi di lavoro altamente sensibili, classificati o militari associati ad armi o servizi di intelligence”.

“Google Cloud supporta molti governi nei paesi in cui operiamo, incluso il governo israeliano, con i nostri servizi di cloud computing disponibili al pubblico”, ha detto mercoledì sera alla CNBC un portavoce di Google.

L'ufficio del primo ministro israeliano e le forze di difesa israeliane non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di NBC News.

I lavoratori hanno protestato contro le condizioni di lavoro in azienda – sostenendo che il contratto influisce su “salute e sicurezza sul lavoro” – e ciò che hanno affermato è stato “il disprezzo di Google per il benessere dei nostri colleghi palestinesi, arabi e musulmani”. affrontare Google consente il razzismo, la discriminazione, le molestie e la censura.

READ  I piloti Delta approvano un aumento del salario contrattuale del 34%.

Il programma è diventato un “importante problema relativo alle condizioni di salute e sicurezza sul posto di lavoro”, con “diversi dipendenti che se ne sono andati citando le conseguenze sulla salute mentale dell'uso del proprio lavoro per attuare un genocidio in un'organizzazione”, ha affermato il gruppo in una nota. medio Il mercoledì.

“A livello personale, sono contrario al fatto che Google accetti qualsiasi contratto militare, indipendentemente dal governo con cui si trova o dal contratto”, ha detto mercoledì alla CNBC Shane Anderson, ingegnere software di Google Cloud con sede a Washington.

Anderson è stato uno dei nove lavoratori arrestati martedì in tutto il paese, alcuni dei quali sono stati trasmessi in streaming in diretta su Twitch.

Quattro persone sono state arrestate per “sconfinamento” all'interno dell'ufficio di Google a New York, ha detto mercoledì a NBC News un portavoce della polizia di New York. Alla manifestazione hanno partecipato circa 50 manifestanti, ha detto il portavoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *