Hubble cattura le tempeste ruggenti del gigante e la luna vulcanica Io

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha catturato nuove immagini di Giove il 5-6 gennaio 2024, rivelando modelli meteorologici dinamici e tempeste notevoli come la Grande Macchia Rossa e la Macchia Rossa Junior. Le osservazioni fanno parte del progetto annuale Outer Planet Atmospheres Legacy. Attività vulcanica e caratteristiche superficiali di Io. Crediti: NASA, ESA, STScI, Amy Simon (NASA-GSFC)

Uragani, wind shear, violente tempeste nell'atmosfera di Giove

Il più grande e il più vicino degli esopianeti giganti, GiovedìLe sue nuvole colorate offrono un caleidoscopio di forme e colori in continua evoluzione. È un pianeta dal clima sempre tempestoso: uragani, anticicloni, wind shear e la più grande tempesta del sistema solare, la Grande Macchia Rossa.

Giove non ha una superficie solida ed è permanentemente coperto da nubi di cristalli di ghiaccio di ammoniaca spesse circa 30 miglia in un'atmosfera profonda decine di migliaia di miglia e che conferiscono al pianeta il suo aspetto a bande.

Le bande sono prodotte da venti che soffiano in diverse direzioni a diverse latitudini a velocità fino a 350 miglia all'ora. Le aree più luminose in cui l'atmosfera sale sono chiamate zone. Le zone scure dove cade il vento sono chiamate cinture. Quando queste correnti opposte interagiscono, compaiono tempeste e turbolenze.

Hubble traccia ogni anno questi cambiamenti dinamici con una chiarezza senza precedenti e ci sono sempre nuove sorprese. Le numerose grandi tempeste e piccole nuvole bianche viste nelle ultime immagini di Hubble sono la prova che c'è molta attività in corso nell'atmosfera di Giove in questo momento.

Immagine della bussola di Giove di Hubble 2024

Giove è costruito in strisce di colore arancione brunastro, grigio chiaro, giallo tenue e crema. Molte grandi tempeste e piccole nuvole bianche fermano il pianeta. La tempesta più grande, la Grande Macchia Rossa, è la caratteristica più evidente nel terzo inferiore sinistro di questa scena. In basso a destra c'è un piccolo anticiclone rossastro, Red Spot Jr. Un altro piccolo contrasto rosso appare vicino alla parte centrale superiore dell'immagine. In alto a destra al centro dell'immagine a destra, appaiono una coppia di tempeste una accanto all'altra: un tornado rosso intenso, di forma triangolare e un'anti-tempesta rossa. Verso il bordo inferiore sinistro dell'immagine c'è la piccola luna di Giove, Io. Il colorato colore arancione significa che sulla superficie di Io si trovano sedimenti di deflusso vulcanico. Crediti: NASA, ESA, Amy Simon (NASA-GSFC)

Il telescopio spaziale Hubble monitora il tempo tempestoso di Giove

Il gigantesco pianeta Giove, in tutto il suo splendore, viene rivisitato NASAS Telescopio spaziale Hubble In queste ultime immagini, entrambi i lati del pianeta sono stati catturati il ​​5-6 gennaio 2024. Hubble osserva Giove e altri pianeti del sistema solare esterno ogni anno Programma Legacy per le atmosfere del pianeta esterno (OPAL). Perché questi grandi mondi sono circondati da nuvole e agitati da venti violenti, causando un caleidoscopio di modelli meteorologici in continua evoluzione.

READ  I manifestanti preparano un ultimo disperato tentativo per fermare la revisione delle pensioni francesi

[left image] – Abbastanza grande da inghiottire la Terra, la classica Grande Macchia Rossa si erge ben visibile nell'atmosfera di Giove. In basso a destra, a una latitudine meridionale più elevata, c'è una caratteristica a volte chiamata Macchia Rossa Jr. Questo anticiclone è il risultato delle tempeste combinate del 1998 e del 2000, ed è apparso rosso per la prima volta nel 2006 per poi diventare marrone chiaro negli anni successivi. Anche quest'anno è un po' rosso. La fonte del colore rosso è sconosciuta ma può includere una varietà di composti chimici: zolfo, fosforo o materia organica. Rimanendo sui loro percorsi, ma muovendosi in direzioni opposte, Red Spot Junior supera la Grande Macchia Rossa ogni due anni. Un altro piccolo anticiclone rosso appare nell'estremo nord.

[right image] – L'attività temporalesca appare anche nell'emisfero opposto. Una coppia di tempeste, un tornado rosso intenso e un anti-tornado rossastro, appaiono uno accanto all'altro a destra del centro. Sembrano così rossi che, a prima vista, sembra che le ginocchia di Giove siano sbucciate. Queste tempeste ruotano in direzioni opposte, indicando uno schema alternato di sistemi di alta e bassa pressione. Nel caso dei cicloni, le nubi ai bordi scendono al centro, allontanando la nebbia atmosferica.


Credito: Goddard Space Flight Center della NASA, produttore principale: Paul Morris

Si prevede che le tempeste si oltrepassino perché la loro rotazione in senso antiorario e antiorario si respinge a vicenda. “Molte grandi tempeste e piccole nuvole bianche sono un segno di molta attività nell'atmosfera di Giove in questo momento”, ha affermato Amy Simon, project manager Opal presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

READ  Evacuazione delle squadre antincendio dell'impianto di Brunswick Georgia

La luna galileiana sul bordo sinistro dell'immagine, Io, è il corpo più attivo dal punto di vista vulcanico del Sistema Solare, nonostante le sue piccole dimensioni (leggermente più grande della Luna terrestre). Hubble risolve i depositi di deflusso vulcanico sulla superficie. La sensibilità di Hubble alle lunghezze d'onda blu e viola rivela chiaramente interessanti caratteristiche superficiali. della NASA nel 1979 Viaggiatore 1 La navicella spaziale ha scoperto l'aspetto simile a una pizza e i vulcani di Io, sorprendendo gli scienziati planetari perché è una piccola luna. Hubble riprese da dove la Voyager si era interrotta, seguendo l'irrequieto Io anno dopo anno.


Le immagini del telescopio spaziale Hubble utilizzate in questa visualizzazione scientifica animata presentano un ciclo completo del pianeta gigante Giove. Non è un film in tempo reale. Invece, le istantanee di Hubble del colorato pianeta scattate il 5-6 gennaio 2024, sono state fotografate su una sfera e ruotate nell’animazione del modello. La velocità di rotazione effettiva del pianeta è di circa 10 ore, che può essere facilmente tracciata osservando la Grande Macchia Rossa andare e venire durante ogni rotazione completata. Hubble osserva Giove e altri pianeti del sistema solare esterno ogni anno nell'ambito dell'Outer Planet Atmospheres Legacy Project (OPAL). Crediti: NASA, ESA, Amy Simon (NASA-GSFC), Joseph DePasquale (STScI)

Il telescopio spaziale Hubble è operativo da più di tre decenni e continua a fare nuove scoperte che modellano la nostra comprensione fondamentale dell'universo. Hubble è un progetto di collaborazione internazionale tra NASA ed ESA (Agenzia spaziale europea) Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, gestisce il telescopio. Goddard sta lavorando con Lockheed Martin Space a Denver, in Colorado. Lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, gestisce le operazioni scientifiche di Hubble e Webb per la NASA. STScI è gestito per la NASA dall'Associazione delle Università per la Ricerca Astronomica di Washington, DC.

Opale di Giove 2024

Questa serie di 12 pannelli di immagini del telescopio spaziale Hubble scattate dal 5 al 6 gennaio 2024, fornisce istantanee dell'intero ciclo del pianeta gigante Giove. La Grande Macchia Rossa viene utilizzata per misurare la vera velocità di rotazione del pianeta di circa 10 ore. Il satellite galileiano più interno, Io, è visto in molti fotogrammi mentre la sua ombra attraversa la copertura nuvolosa di Giove. Hubble osserva Giove e altri pianeti del sistema solare esterno ogni anno nell'ambito dell'Outer Planet Atmospheres Legacy Project (OPAL). Credito: Amy Simon (NASA-GSFC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *