Il leggendario cantante e musicista Tony Bennett è morto all’età di 96 anni

Tony Bennett, il classico cantante pop e jazz noto per canzoni come “The Way You Look Tonight” e “I Left My Heart in San Francisco”, è morto. Ha 96 anni. La pubblicista Sylvia Weiner ha confermato la morte di Bennett all’Associated Press, dicendo che è morta nella sua città natale di New York. Nel febbraio 2021, il team di Bennett ha confermato che gli era stato diagnosticato il morbo di Alzheimer nel 2016. Un totale di 41 nomination ai Grammy e 19 vittorie. Ha venduto oltre 50 milioni di dischi in tutto il mondo. Bennett ha iniziato la sua carriera alla fine degli anni ’40 dopo aver prestato servizio nella seconda guerra mondiale. Fu arruolato nell’esercito degli Stati Uniti nel 1944 e prestò servizio in Germania alla fine della guerra. Era anche un pittore affermato. Bennett è nato Anthony Dominic Benedetto il 3 agosto 1926 nel Queens, a New York. Suo padre Giovanni Benedetto era un droghiere e sua madre Anna Maria era una sarta. Entrambi i suoi genitori erano immigrati dalla Calabria, Italia, nella parte sud-occidentale dell’Italia. Bennett ha studiato musica e pittura alla High School of Industrial Arts di New York. Ha lasciato la scuola a 16 anni per mantenere la sua famiglia come cameriere cantante nei ristoranti italiani. Bennett prestò servizio in prima linea nella seconda guerra mondiale fino al 1945. Dopo la guerra cantò in una banda militare fino al suo ritorno negli Stati Uniti nel 1946. Successivamente ha frequentato l’American Theatre Wing e ha studiato bel canto. All’inizio della sua carriera, Bennett è stato ispirato da influenze come leggende come Louis Armstrong e Bing Crosby, ma alla fine ha sviluppato il suo stile. È famoso per l’uso di fraseggi in stile jazz nel suo canto, imitando le tecniche strumentali con la propria voce. Bennett ha fatto appello con un comportamento disinvolto e rispettoso e una voce insolitamente ricca e sostenuta – “un tenore che canta come un baritono”, si definiva – che lo hanno reso un maestro nell’intrattenere il pubblico. ha detto all’Associated Press nel 2006. “Penso che le persone si commuovano quando sentono che sono onesto e sincero e ho un po’ di senso dell’umorismo. … Voglio che le persone si sentano bene quando mi esibisco. Bennett firmò ufficialmente un contratto discografico con la Columbia Records e nel 1950 pubblicò il suo primo grande successo, ‘A causa di te’. Ha ottenuto il numero 1 con “Dice”. Bennett è ora ricordato come lo spettacolo di New York City. Sono state presentate 44 canzoni. Nello stesso anno, ha pubblicato il classico “I Left My Heart in San Francisco”, che è stato in cima alle classifiche per un anno ed è ricordato come una delle sue canzoni d’autore. Bennett è stato spesso elogiato dai suoi colleghi, ma mai in modo più significativo di Frank Sinatra nel 1965. Mi tira su di morale quando lo guardo. Mi commuove. Negli ultimi anni, Bennett è meglio conosciuto per il suo lavoro con la megastar del pop Lady Gaga. La coppia ha registrato l’album “Seek to Seek” insieme nel 2014, che ha portato al plauso della critica entrambi i cantanti. L’album ha debuttato negli Stati Uniti su Treme 5. My Awards. ha pubblicato un secondo album di un duo pop tradizionale nel 2021, intitolato “Love for Sale”. 60 giorni, secondo il Guinness dei primati. Bennett ha annunciato il suo ritiro dalle esibizioni e ha tenuto i suoi ultimi concerti al Radio City Music Hall il 3 e 5 agosto 2021. Bennett ha quattro figli e sua moglie, Susan Crowe, che aveva 20 anni. Sposato nel 07. Fan club. I due figli più grandi di Bennett, D’Andrea “Danny” e Tagle “Day”, sono nati dalla prima moglie di Bennett, Patricia Beach, nel 1954 e nel 1955. Danny ha lavorato come manager di suo padre per molti anni. Bennett ha incontrato la sua seconda moglie, l’attrice Sandra Grant, durante le riprese di “The Sandra Grant”. La loro figlia Joanna è nata nel 1970 e un’altra figlia Antonia, una cantante, è nata nel 1974. Bennett era anche nonno di quattro figli. L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

READ  I Bears scambiano la prima scelta con i Panthers, WR DJ Moore: Fonti

Tony Bennett, il classico cantante pop e jazz noto per canzoni come “The Way You Look Tonight” e “I Left My Heart in San Francisco”, è morto. Ha 96 anni.

La pubblicista Sylvia Weiner ha confermato la morte di Bennett all’Associated Press, dicendo che è morta nella sua città natale di New York.

Nel febbraio 2021, il team di Bennett ha annunciato che gli era stato diagnosticato il morbo di Alzheimer nel 2016.

Bennett ha portato il successo nella comunità della musica pop per più di cinquant’anni, ricevendo un Grammy Lifetime Achievement Award nel 2001, oltre a un totale di 41 nomination ai Grammy e 19 vittorie. Ha venduto oltre 50 milioni di dischi in tutto il mondo.

Bennett ha iniziato la sua carriera alla fine degli anni ’40 dopo aver prestato servizio nella seconda guerra mondiale. Fu arruolato nell’esercito degli Stati Uniti nel 1944 e prestò servizio in Germania alla fine della guerra. Fu anche un grande pittore.

Bennett è nato Anthony Dominic Benedetto il 3 agosto 1926 nel Queens, a New York. Suo padre Giovanni Benedetto era un droghiere e sua madre Anna Maria era una sarta. Entrambi i suoi genitori erano immigrati dalla Calabria, Italia, nella parte sud-occidentale dell’Italia. Bennett ha studiato musica e pittura alla New York High School. Ha lasciato la scuola a 16 anni per mantenere la sua famiglia come cameriere cantante nei ristoranti italiani.

Bennett prestò servizio in prima linea nella seconda guerra mondiale fino al 1945 e aiutò in particolare la liberazione del campo di concentramento nazista di Landsberg, in Germania. Dopo la guerra cantò in una banda militare fino al suo ritorno negli Stati Uniti nel 1946. Successivamente ha frequentato l’American Theatre Wing e ha studiato bel canto.

READ  Yellen annuncia che il sistema bancario è solido mentre vengono ordinati nuovi salvataggi

All’inizio della sua carriera, Bennett ha attinto da influenze come leggende come Louis Armstrong e Bing Crosby, ma alla fine ha sviluppato il proprio modo di scrivere canzoni. È diventato famoso per aver usato fraseggi in stile jazz nel suo canto imitando le tecniche strumentali con la sua stessa voce.

Bennett ha fatto appello con modi semplici ed equi e una voce insolitamente ricca e sostenuta – “un tenore che canta come un baritono”, si definiva – che lo ha reso un maestro nell’attrarre una ballata o ravvivare un numero ritmato.

Dave Kotinsky/Getty Images 8th Annual Survey of the Arts Gala

Tony Bennett si esibisce al 9° Gala annuale Exploring the Arts, fondato da Tony Bennett e sua moglie Susan Benedetto, al Cipriani 42nd Street il 28 settembre 2015 a New York City.

“Mi piace intrattenere il pubblico e fargli dimenticare i loro problemi”, ha detto all’Associated Press nel 2006. “Penso che le persone saranno toccate… se sentiranno qualcosa di onesto e sincero e un po’ di senso dell’umorismo… Voglio che le persone si sentano bene quando mi esibisco.”

Uno dei primi concerti importanti di Bennett è stato l’apertura di un tour di concerti per Bob Hope, che per primo gli ha suggerito di usare il nome “Tony Bennett” invece del suo nome di nascita. Bennett firmò ufficialmente un contratto discografico con la Columbia Records e pubblicò il suo primo grande successo, “A causa di te”, nel 1950. Ha venduto 1 milione di copie e ha raggiunto il numero 1 nella classifica pop del 1951. Ha avuto successi n. 1 con “Blue Velvet”, “Rocks to Riches” e “Stranger in Paradise”.

Ha ospitato “The Tony Bennett Show: For a season in 1956, in cui si è esibito con ospiti speciali come Chaz Chase e The Mills Brothers. Bennett ha eseguito quello che ora è ricordato come un concerto storico alla Carnegie Hall di New York City nel giugno 1962. Lo spettacolo comprendeva 44 canzoni. Quell’anno ha pubblicato il classico di Myron Spot on Left Spot Left. Grafico dell’anno e la sua canzone d’autore Remembered as one of the

READ  Imballatori vs. Punteggio Vikings: aggiornamenti in tempo reale, statistiche di gioco, punti salienti, analisi per il matchup NFC North

Bennett è stato spesso elogiato dai suoi colleghi, ma mai in modo più significativo di quando Frank Sinatra disse in un’intervista alla rivista Life del 1965: “Per i miei soldi, Tony Bennett è il miglior cantante del settore. Mi eccita quando lo vedo. Mi commuove. È un cantante che capisce cosa ha in mente il compositore, forse un po’ di più”.

Negli ultimi anni, Bennett è meglio conosciuta per il suo lavoro con la megastar del pop Lady Gaga. Il duo ha registrato insieme l’album “Seek to Seek” nel 2014, che ha ottenuto il plauso della critica per entrambi i cantanti. L’album ha debuttato al numero 1 negli Stati Uniti e ha vinto il miglior album pop tradizionale al 57esimo Grammy Awards. Dopo l’uscita di “Seek to Seek”, la coppia ha intrapreso un tour di concerti per promuovere l’album.

Gaga e Bennett hanno pubblicato un secondo album in duo pop tradizionale nel 2021, intitolato “Love for Sale”. L’album è stato pubblicato poco dopo che la diagnosi di Alzheimer di Bennett è diventata pubblica. “Love for Sale” lo ha reso la persona più anziana a pubblicare un album di nuovo materiale, secondo il Guinness dei primati, a 95 anni e 60 giorni.

Bennett ha annunciato il suo ritiro dalle esibizioni e ha eseguito i suoi ultimi concerti al Radio City Music Hall il 3 e 5 agosto 2021.

Bennett lascia quattro figli e sua moglie, Susan Crowe, che ha sposato nel 2007. Crowe, 40 anni più giovane di Bennett, un tempo era presidente del capitolo della Bay Area del Tony Bennett Fan Club. I due figli più grandi di Bennett, D’Andrea “Danny” e Tagle “Day”, sono nati nel 1954 e nel 1955 dalla prima moglie di Bennett, Patricia Beach. Danny ha lavorato come manager di suo padre per molti anni.

Bennett ha avuto i suoi due figli più piccoli con la sua seconda moglie, l’attrice Sandra Grant, che ha incontrato sul set di “Gli Oscar”. La loro figlia Joanna è nata nel 1970 e un’altra figlia Antonia, una cantante, è nata nel 1974. Bennett era anche nonno di quattro figli.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *