OpenAI di Sam Altman fa causa a Meta di Mark Zuckerberg

Sarah Silverman fa parte di un gruppo di autori che fanno causa a OpenAI e Meta. Bruce Glickas/La magia del cinema

OpenAI, guidata da Meta di Mark Zuckerberg e Sam Altman, sta affrontando un nuovo grattacapo questa settimana: le cause legali.

Una manciata di autori, inclusa la comica Sarah Silverman, ha presentato denunce collettive contro le due società “per aver remixato migliaia di opere scritte da autori di libri, e molte senza consenso, compenso o credito”.

I querelanti includono gli scrittori Paul Tremblay, Mona Awad, Christopher Golden e altri Giuseppe Saverio E Matteo Butterick Dicono di schierarsi a nome degli autori per continuare “un’importante conversazione su come l’IA può lavorare a fianco della cultura e della creatività umana”.

Nel caldo visto Buona fortunaLe mostre mostrano un comando che chiede a un modello di linguaggio di grandi dimensioni (come ChatGPT di OpenAI) di interpretare la trama del libro di Tremblay. Cabina alla fine del mondo.

Questo modello fornisce una risposta iniziale di 420 parole alle “prime” parti del romanzo. Altri tre suggerimenti che chiedono la parte successiva del libro e la sua conclusione si traducono in risposte lunghe più di 1.100 parole, inclusa la rivelazione del colpo di scena alla fine del romanzo.

Test Coniglio E 13 modi per guardare una ragazza grassa Ci sono stati risultati simili con Awad, affermano le fonti.

Sulla base delle dettagliate risposte fornite, i querelanti affermano che il loro lavoro è stato fornito a grandi campioni linguistici come dati di addestramento per la riproduzione “senza riconoscimento, senza credito e senza compenso”.

Meta e OpenAI non rispondono immediatamente quando vengono contattati Buona fortuna Per commento.

READ  La partnership JetBlue-americana annullata dal giudice federale

Perché libri?

di Silverman Il caso è stato archiviato venerdì– con gli insegnanti Chris DoratoE Riccardo CatrayArriva dopo il primo deposito di una riunione di altri docenti del 28 giugno.

Gli avvocati dei querelanti affermano che gli autori li hanno contattati ininterrottamente dal marzo 2023, quando ChatGPT di OpenAI è stato reso disponibile per la prima volta al pubblico.

I libri, sostiene la causa, sono una formazione particolarmente preziosa per LL.M.

I sostenitori citano ricerche del MIT, della Cornell University e di Google Research Rilasciato a maggio Ha trovato i domini migliori utilizzando i dati di addestramento provenienti da fonti “di alta qualità”, come i dati di libri e Internet.

Sebbene si sia scoperto che i libri contenevano alti livelli di sostanze tossiche, lo studio ha anche scoperto che come set di dati forniva un testo di alta qualità “più lungo e più leggibile”.

La causa sostiene che questi preziosi dati sono stati ottenuti da una fonte “palesemente illegale” chiamata “Shadow Library”. Si tratta di database online che aggregano libri e articoli, evitando così barriere come tasse e oneri per il download di copie.

Il primo caso di tanti?

Gli esperti prevedono che l’ultimo caso sarà uno dei tanti. ha affermato Daniel Gervais, professore di diritto alla Vanderbilt University Nella scorsa settimana Sta arrivando un’ondata di azioni legali da parte dei creatori.

“Questo [the author lawsuit] Si tratta davvero di input “, ha detto Gervais, riferendosi alle accuse della causa di scraping e formazione di dati AI. “L’ondata di rilascio sta arrivando.”

Il furore nell’industria letteraria segue la confusione dell’industria dell’intrattenimento con gli scrittori di Hollywood Attualmente in sciopero Temendo che l’intelligenza artificiale minerà la loro professione replicando i copioni esistenti.

READ  Prima sulla CNN: McCarthy propone importanti concessioni dopo che la Camera si è aggiornata per il secondo giorno senza eleggere il relatore

Sam Altman è, per lo meno, un problema degno di nota.

Parlando al Senato Audizione della sottocommissione il 16 maggioAltman ha dichiarato: “Pensiamo che i creatori meritino di controllare come viene utilizzato il loro lavoro e cosa succede oltre a quando lo pubblicano nel mondo”.

“Dobbiamo trovare nuovi modi per consentire ai creatori di avere successo, avere successo e vivere una vita vibrante con questa nuova tecnologia, e sono fiducioso che ciò consentirà di ottenere ciò”.

La causa degli autori chiede danni monetari non specificati – Altman afferma di aver avuto discussioni con artisti visivi e musicisti per “scoprire cosa vogliono le persone”. “Purtroppo ci sono opinioni diverse”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *