UCLA: La polizia rimuove le barricate dall’accampamento dei manifestanti filo-palestinesi

LOS ANGELES (AP) – La polizia ha sgombrato e iniziato a smantellare un accampamento fortificato di manifestanti filo-palestinesi giovedì mattina presso l’Università della California, a Los Angeles, dopo centinaia di manifestanti. Disobbedito agli ordini di andarsene, alcuni di loro hanno formato una catena umana e la polizia ha sparato granate per disperdere la folla. Alcuni sono stati arrestati, con le mani legate con fascette.

La mossa arriva dopo ore in cui gli agenti hanno minacciato arresti attraverso gli altoparlanti se la folla non si fosse dispersa. Una folla di oltre 1.000 persone si è radunata in sostegno nel campus, all’interno e all’esterno di un campo tendato di internamento. I manifestanti e la polizia si sono impegnati in spintoni e tafferugli mentre le autorità hanno dovuto affrontare resistenza. Il video mostra la polizia che rimuove i caschi e gli occhiali che alcuni manifestanti indossavano durante la detenzione.

Mentre gli elicotteri della polizia volteggiavano, il suono delle esplosioni creava una luce brillante e un forte rumore che distraeva e spaventava le persone. I manifestanti hanno chiesto: “Dov’eri ieri sera?” Hanno cantato. Per quanto riguarda gli agenti, l’amministrazione dell’UCLA e la polizia del campus hanno impiegato ore per rispondere quando i contro-manifestanti hanno preso d’assalto il campus martedì sera.

Campi tendati I manifestanti chiamano le università Smettere di fare affari con Israele Oppure le aziende reclamano il sostegno Guerra a Gaza Si è diffuso nei campus di tutto il paese come nessun altro movimento studentesco in questo secolo. È seguita la fustigazione della polizia echeggiava le azioni di decenni prima Contro il più grande movimento di protesta contro la guerra del Vietnam.

Cosa devi sapere sulle proteste studentesche?

In Medio Oriente, la televisione di stato iraniana ha trasmesso immagini in diretta dell’operazione di polizia, così come la rete satellitare panaraba Al Jazeera del Qatar. Le riprese in diretta da Los Angeles sono state trasmesse anche sulle reti televisive israeliane.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sulla pioggia e sulla neve della California settentrionale

Centinaia di agenti della California Highway Patrol hanno invaso il complesso giovedì mattina presto. Indossavano visiere e giubbotti protettivi, indossavano elmetti e maschere antigas, tendevano dei bastoni per separarli dai manifestanti che cantavano “Vuoi la pace”. Vogliamo giustizia”, ​​ha detto.

La polizia ha smantellato sistematicamente barricate di compensato, assi, recinzioni metalliche e bidoni della spazzatura e le ha aperte davanti a dozzine di tende dei manifestanti. I funzionari hanno iniziato a rimuovere tende e tende. Il numero dei manifestanti è diminuito al mattino poiché alcuni se ne sono andati volontariamente con le mani alzate e altri sono stati fermati dalla polizia.

La presenza delle forze dell’ordine e i continui avvertimenti erano in contrasto con la scena martedì sera, quando i filo-palestinesi hanno fatto irruzione nel campo, lanciando coni stradali, rilasciando spray al peperoncino e abbattendo le barricate. Sebbene non siano stati effettuati arresti, la rissa è continuata per diverse ore prima che la polizia intervenisse. Almeno 15 manifestanti sono rimasti feriti e la lenta risposta delle autorità ha attirato critiche da parte di leader politici, studenti musulmani e gruppi di difesa.

Mercoledì pomeriggio, all’interno di un campo fortificato, era sorta una piccola cittadina, piena di centinaia di persone e tende sul piazzale. I manifestanti hanno ricostruito barricate improvvisate attorno alle loro tende mentre la polizia statale e quella universitaria osservavano.

Alcuni manifestanti hanno recitato le preghiere musulmane mentre il sole tramontava sul campus, mentre altri hanno cantato “Non ce ne andremo” o sono passati in giro indossando occhiali e maschere chirurgiche. Indossavano elmetti e visiere e discutevano sui modi migliori per gestire lo spray al peperoncino o i gas lacrimogeni mentre qualcuno cantava in un megafono.

Fuori dal campo, una folla di studenti, ex studenti e vicini si è radunata sui gradini del campus, intonando inni filo-palestinesi. Un gruppo di studenti ha manifestato nelle vicinanze indossando magliette e portando cartelli a sostegno di Israele e del popolo ebraico.

READ  Perché il caldo di questa estate è stato così eccezionale negli Stati Uniti meridionali

La folla aumentava con il passare della notte man mano che sempre più agenti si riversavano nei locali.

Ray Viliani, che vive nelle vicinanze, ha detto di essere venuto all’UCLA mercoledì sera per sostenere i manifestanti filo-palestinesi.

“Dobbiamo prendere una posizione su questo”, ha detto. “Quando è troppo è troppo.”

Il cancelliere dell’UCLA Gene Black ha promesso di rivedere gli eventi di martedì sera dopo che il governatore della California Gavin Newsom ha condannato il ritardo nella risposta delle forze dell’ordine. Michael Drake, presidente del sistema dell’Università della California, ha ordinato una “revisione indipendente della pianificazione dell’università, delle sue azioni e della risposta delle forze dell’ordine”.

“La comunità ha bisogno di sentire che la polizia la protegge e che gli altri non possono farle del male”, ha detto mercoledì in una conferenza stampa Rebecca Hussaini, capo del Consiglio musulmano per gli affari pubblici.

Nel frattempo, gli accampamenti di protesta altrove sono stati sgomberati dalla polizia, con conseguenti arresti o chiusure volontarie delle scuole negli Stati Uniti a New York, tra cui il City College di New York, la Fordham University, la Stony Brook University e l’Università di Buffalo. Altri in tutto il paese sono lo stato di Portland nell’Oregon, l’Università del New Hampshire a Durham, la Northern Arizona University a Flagstaff e la Tulane University a New Orleans.

custodia Un edificio è esploso Martedì sera i manifestanti hanno occupato la Columbia University, disperdendo una manifestazione che aveva paralizzato la scuola.

Mercoledì mattina presto è scoppiata una mischia all’Università del Wisconsin a Madison dopo che la polizia ha rimosso tutte le tende tranne una con scudi e ha scacciato i manifestanti. Quattro agenti sono rimasti feriti. Quattro persone sono state accusate di aggressione alle forze dell’ordine.

READ  La Worldwide Developers Conference di Apple tornerà il 10 giugno 2024

In rari casi, funzionari universitari e leader della protesta stipulato contratti Per controllare la vita del campus e i disordini imminenti Cerimonie di apertura. Alla Brown University di Rhode Island, gli amministratori hanno concordato in ottobre di prendere in considerazione un voto per disinvestire da Israele – apparentemente il primo college americano ad accettare tale richiesta.

L’Associated Press ha contato almeno 38 volte dal 18 aprile in cui sono stati effettuati arresti durante le proteste nei campus universitari negli Stati Uniti, con oltre 1.600 arresti in 30 scuole.

Le proteste nazionali nei campus universitari sono iniziate in Colombia il 17 aprile contro l’attacco israeliano a Gaza, seguite da un attacco mortale di Hamas al sud di Israele il 7 ottobre. I militanti uccisero circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, e presero circa 250 ostaggi. Secondo il ministero della Sanità del Paese, Israele, che ha promesso di sradicare Hamas, ha ucciso più di 34.000 palestinesi nella Striscia di Gaza.

Israele e i suoi sostenitori hanno bollato le proteste universitarie AntisemitismoI critici di Israele sostengono che le accuse vengono usate per mettere a tacere l’opposizione. Sebbene alcuni manifestanti siano stati ripresi dalle telecamere mentre facevano commenti antisemiti o minacciavano violenza, gli organizzatori della protesta, alcuni dei quali ebrei, affermano che si tratta di un movimento pacifico volto a difendere i diritti dei palestinesi e ad opporsi alla guerra.

___

Offenhartz e Frederick hanno riferito da New York. Julie Watson, Krista Fauria, John Antsak, Christopher L. Keller, Lisa Baumann, Cedar Attanasio, Jonathan Mattis, Stephanie Dassio, Jay C. Hanno contribuito a questo rapporto giornalisti dell’Associated Press da tutto il paese, tra cui Hong, Colin Long, Karen Matthews, Sarah Matthews, Julie Watson, Krista Fauria e John Antsak. Brumfield, Carolyn Thompson, Philip Marcelo, Corey Williams e Felicia Fonseca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *