I progetti di aiuti del GOP alla Camera per far avanzare Israele, Ucraina e Taiwan – Aiutati dai democratici

Giovedì i democratici hanno compiuto un passo insolito, aiutando i leader repubblicani a portare avanti la legislazione per fornire miliardi di finanziamenti alla difesa a Ucraina, Israele e Taiwan.

Dopo una pausa di circa nove ore, la Commissione per le Regole della Camera si è riunita di nuovo giovedì sera e ha approvato i progetti di legge sugli aiuti esteri del presidente della Camera GOP Mike Johnson con un voto di 9-3, grazie ai voti di quattro democratici che siedono nella commissione: il membro in classifica Jim McGovern della rappresentante del Massachusetts, Pennsylvania Mary Kay Scanlan del rappresentante del Colorado Joe Negus e della rappresentante del New Mexico Teresa Leger Fernandez.

I repubblicani conservatori della linea dura del comitato – i rappresentanti Tom Massey del Kentucky, Ralph Norman della Carolina del Sud e Chip Roy del Texas – hanno tutti votato contro la disposizione perché la sicurezza delle frontiere non è legata agli aiuti esteri. Tuttavia, venerdì mattina il presidente metterà in votazione quello che ha definito un disegno di legge “aggressivo” sui confini. Non è riuscito a uscire dalla commissione per le regole, ma la Camera lo considererà in sospensione della regola, il che richiederebbe il sostegno di due terzi per essere approvato.

Si prevede che la Camera effettuerà una breve votazione procedurale sul disegno di legge venerdì mattina, poi sabato pomeriggio è prevista una votazione sull'approvazione finale del pacchetto di aiuti esteri.

Tre progetti di aiuti esteri sosterrebbero 26,4 miliardi di dollari IsraeleAumento di 60,8 miliardi di dollari Ucraina e 8,1 miliardi di dollari per contrastare la Cina nell’Indo-Pacifico, inclusi miliardi Taiwan. La misura israeliana comprende anche 9,1 miliardi di dollari per far fronte ai bisogni umanitari dei palestinesi, che i democratici ritengono essenziali per il loro sostegno.

Un quarto disegno di legge mira ad affrontare altre priorità di politica estera del GOP. In particolare, consentirebbe la vendita dei beni congelati degli oligarchi russi per finanziare futuri aiuti all’Ucraina. Vendite TikTok e approvare sanzioni più severe contro Russia, Cina e Iran.

Il presidente Biden ha detto che firmerà il pacchetto e ha invitato la Camera ad approvarlo questa settimana e il Senato a seguirlo rapidamente. Entrambe le stanze saranno in vacanza la prossima settimana.

Johnson, repubblicano della Louisiana, ha annunciato il piano Lunedì aumenta la pressione da parte dei membri di entrambi i partiti affinché si voti su un pacchetto bipartisan del Senato che includa il sostegno agli alleati degli Stati Uniti. IL Un pacchetto di finanziamenti supplementari da 95 miliardi di dollari È passato al Senato a febbraio mentre Johnson discuteva il percorso da seguire.

Gli aiuti esteri hanno seminato profonde divisioni tra i repubblicani alla Camera: alcuni di estrema destra hanno minacciato di estromettere Johnson dalla carica di portavoce per ulteriori finanziamenti per l’Ucraina, a cui si oppongono.

Mercoledì Johnson ha difeso la sua decisione e ha affermato che è “fondamentale” fornire aiuti cruciali all’Ucraina.

“Se agisco per paura di una mozione di sgombero, non sarò mai in grado di fare il mio lavoro”, ha detto Johnson ai giornalisti.

“Guardate, la storia ci giudica per quello che facciamo”, ha aggiunto, aggiungendo: “È un momento critico sulla scena mondiale. Posso dirvi che avrei potuto prendere una decisione egoistica e fare qualcosa di diverso. Ma sono qui a fare quello che credo sia giusto.”

La rappresentante del GOP Lauren Bobert del Colorado ha predetto che “questo potrebbe essere l'inizio della fine per l'oratore”.

Ellis Kim, Nicole Killian, Laura Garrison e Christine Brown hanno contribuito alla segnalazione.

READ  Citigroup ottiene previsioni migliori, ma le negoziazioni lente smorzano i risultati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *