Il Canada “continua a monitorare” l’accordo con Activision, affermando che ci sono “imprecisioni fattuali” nei documenti di Microsoft

Aggiornamento 30/6/23: Poiché i procedimenti legali avviati dalla Federal Trade Commission degli Stati Uniti sono terminati, Microsoft ha risposto al rapporto canadese rilasciato ieri sera dal suo Competition Bureau.

In breve, Microsoft ha notato che la finestra del Canada per rispondere in modo significativo all’accordo è ora passata. A livello globale, solo gli Stati Uniti e il Regno Unito sono contrari.

“Abbiamo ricevuto notifica dal Canadian Competition Bureau che Activision continuerà a monitorare la nostra acquisizione di Blizzard dopo un periodo di attesa formale che ha impedito la chiusura dell’accordo”, ha dichiarato un portavoce di Microsoft. “Continuiamo a lavorare con le autorità di regolamentazione di tutto il mondo per affrontare eventuali problemi rimanenti”.

La principale battaglia giudiziaria di questa settimana tra FTC e Microsoft dovrebbe decidere il destino dell’acquisizione di Activision Blizzard da 68,7 miliardi di dollari da parte di quest’ultima, che si trascina da più di un anno. Un fallimento vedrebbe Microsoft schiacciata nel suo più grande mercato e sul proprio territorio. La vittoria vedrà la fine dell’accordo ovunque, tranne che nel Regno Unito, lasciando a Microsoft varie opzioni per continuare.

Una decisione sul processo FTC vs Microsoft è prevista già la prossima settimana.


Storia originale 29/6/23:Mentre Microsoft combatte con la Federal Trade Commission negli Stati Uniti per l’acquisizione da 69 miliardi di dollari di Activision Blizzard, il Canada si è mosso per negare le affermazioni del produttore di Xbox secondo cui la FTC è esente da “tranne uno” nel suo accordo in tutto il mondo. Ha osservato che il Canada sta ancora “monitorando la transazione”.

READ  Strano DNA trovato nel deserto offre lezioni per cacciare la vita su Marte

COME Lo ha riferito The VergeIl Canada’s Competition Bureau ha scritto al giudice Corley, che attualmente presiede il caso Activision Blizzard della FTC negli Stati Uniti, per correggere alcuni “errori di fatto” nelle dichiarazioni del tribunale di Microsoft.

Microsoft ha dichiarato alla corte che “tutti i regolatori globali che hanno rivisto l’accordo diverso dalla FTC” hanno rifiutato l’idea che l’acquisizione avrebbe rimosso Call of Duty da PlayStation se l’acquisizione fosse andata a buon fine, e che tutti i regolatori hanno “accettato di trattenere COD da Sony. Non sarebbe redditizio, quindi non è una preoccupazione seria.” .” Ha anche affermato di aver approvato la transazione “diversa da un’autorità di regolamentazione straniera” (ovvero la CMA del Regno Unito).

Copertura delle notizie: i titoli più importanti di questa settimana sono FTC vs Microsoft.

Il Canada’s Competition Bureau non è d’accordo con questi tre punti, tuttavia, scrivendo al giudice Corley, “informando il consiglio canadese di Microsoft e Activision che il Bureau ha concluso che la fusione proposta impedirebbe e/o ridurrebbe sostanzialmente la concorrenza nelle console di gioco e nei servizi di abbonamento multigioco (come così come il cloud gaming)”. Ha anche notato che Microsoft ha detto alla società che “l’agenzia sta continuando a monitorare la transazione”.

Diverse autorità di regolamentazione in tutto il mondo, inclusa l’Europa, hanno approvato l’accordo proposto da Microsoft. Con un recente avvertimento da parte del Canadian Competition Bureau che le preoccupazioni per l’acquisizione rimangono ancora, la Federal Trade Commission degli Stati Uniti sta attualmente combattendo in tribunale per ottenere un’ingiunzione per bloccare l’accordo prima delle proprie discussioni interne con Microsoft.

Nel Regno Unito, la Competition and Markets Commission ha bloccato l’acquisizione, citando le preoccupazioni che circondano l’industria del cloud gaming. Microsoft prevede di presentare ricorso contro tale decisione a luglio.

READ  Test delle zanzare per il virus del Nilo occidentale nella contea di Anne Arundel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *