Kevin McCarthy è stato eletto portavoce repubblicano della Camera degli Stati Uniti, ma a caro prezzo

WASHINGTON, 7 gennaio (Reuters) – Il repubblicano Kevin McCarthy è stato eletto presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti all’inizio di sabato, sollevando interrogativi sulla capacità del partito di governare dopo aver fatto ampie concessioni agli estremisti di destra.

Il rappresentante Matt Gates, un 57enne californiano, ha subito un’ultima umiliazione quando ha smesso di votare verso la mezzanotte del 14esimo scrutinio, scatenando una mischia che ha richiesto la rimozione fisica del collega repubblicano Mike Rogers.

La vittoria di McCarthy al 15° scrutinio ha posto fine a più di 160 anni di profonde disfunzioni del Congresso. Ma illustra chiaramente le difficoltà che deve affrontare nel guidare una maggioranza ristretta e profondamente polarizzata.

Alla fine ha vinto con un margine di 216-212. È stato eletto da meno della metà dei membri della Camera – non sostenendo McCarthy alla presidenza ma votando per un altro contendente – solo perché sei membri del suo stesso partito si sono astenuti.

Quando ha preso il sopravvento per la prima volta, i Democratici del presidente Joe Biden hanno rappresentato la fine della presa su entrambe le Camere del Congresso.

“Il nostro sistema è costruito su controlli ed equilibri. È tempo di fornire un controllo e un equilibrio alle politiche del presidente”, ha detto McCarthy nel suo discorso inaugurale, che ha stabilito diverse priorità dai tagli alla spesa all’immigrazione. Combattere guerre culturali guerre.

McCarthy è stato eletto dopo aver acconsentito alle richieste degli intransigenti secondo cui qualsiasi legislatore poteva chiedere la sua rimozione in qualsiasi momento. Ciò ridurrebbe gravemente il potere che ha quando cerca di legiferare su questioni critiche, tra cui il finanziamento del governo, il tetto del debito ribaltato del paese e affrontare altre crisi che potrebbero sorgere.

READ  La sicurezza di Buffalo Bills Tamar Hamlin è stata dimessa dall'ospedale | Buffalo Bills

Una performance più debole del previsto dei repubblicani nelle elezioni di metà mandato di novembre ha dato loro una maggioranza ristretta di 222-212.

Tali concessioni, inclusi forti tagli alla spesa e altri limiti ai poteri di McCarthy, potrebbero indicare ulteriori turbolenze nei prossimi mesi, soprattutto perché il Congresso deve approvare ulteriori aumenti dell’autorità di prestito americana da 31,4 trilioni di dollari.

Negli ultimi dieci anni, i repubblicani hanno ripetutamente chiuso gran parte del governo e spinto il più grande mutuatario del mondo sull’orlo del default nel tentativo di ottenere forti tagli alla spesa, di solito senza successo.

Molti intransigenti hanno messo in dubbio la volontà di McCarthy di impegnarsi in tali frivolezze mentre i Democratici negoziano con Biden, che controlla il Senato. I repubblicani del Senato guidati da Mitch McConnell si sono arrabbiati in passato quando hanno accettato di scendere a compromessi.

I sostenitori della linea dura, tra cui il presidente del Freedom Caucus Scott Perry della Pennsylvania e Chip Roy del Texas, hanno affermato che le concessioni di McCarthy renderebbero più facile perseguire tali tattiche o imporrebbe un altro voto sulla leadership di McCarthy se McCarthy non fosse all’altezza delle loro aspettative.

“Ci sono cambiamenti nel modo in cui spenderemo e allocheremo i soldi che sono storicamente significativi”, ha detto Perry.

“Non vogliamo che i tetti del debito pulito passino senza alcune contromisure per controllare la spesa mentre i Democratici controllano la Casa Bianca e controllano il Senato”.

Uno di quei democratici, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, ha avvertito che le concessioni di McCarthy agli “estremisti” nel suo partito potrebbero tornare a perseguitarlo e che un partito controllato dai repubblicani potrebbe innescare una chiusura del governo o un default. “Con conseguenze disastrose”.

READ  I Chargers hanno perso un vantaggio di 27 punti ei Jaguars sono passati ai playoff AFC

In netto contrasto con le lotte intestine tra i repubblicani della Camera, mercoledì Biden e McConnell sono apparsi in Kentucky per evidenziare gli investimenti nelle infrastrutture.

La tardiva vittoria di McCarthy è arrivata il 6 gennaio 2021, il giorno dopo il secondo anniversario dell’attacco alla capitale degli Stati Uniti, quando una folla violenta ha preso d’assalto il Congresso nel tentativo di ribaltare la sconfitta elettorale dell’allora presidente Donald Trump.

I 14 voti falliti di questa settimana hanno segnato il numero più alto di voti espressi per un oratore dal 1859, nei tumultuosi anni prima della Guerra Civile.

L’ultima candidatura di McCarthy a relatore, nel 2015, si è sgretolata di fronte all’opposizione di destra. Due precedenti oratori repubblicani, John Boehner e Paul Ryan, hanno lasciato il lavoro dopo scontri con colleghi di destra.

McCarthy ora ha il potere di bloccare l’agenda legislativa di Biden, forzare i voti per le priorità repubblicane su economia, energia e immigrazione e andare avanti con le indagini su Biden, la sua amministrazione e la sua famiglia.

Sconti

Ma le concessioni che ha accettato avrebbero avuto meno potere del predecessore di McCarthy, la democratica Nancy Pelosi. Ciò renderà più difficile per lui essere d’accordo con i Democratici in una Washington divisa.

Consentire a un membro di richiedere un voto per rimuovere il presidente darebbe agli estremisti uno straordinario vantaggio.

L’accordo ridurrebbe la spesa per il prossimo anno fiscale al livello dell’anno scorso, un taglio significativo se si tiene conto dell’inflazione e della crescita della popolazione.

Ciò potrebbe incontrare l’opposizione dei repubblicani più centristi o di coloro che spingono per maggiori finanziamenti militari, soprattutto perché gli Stati Uniti spendono miliardi di dollari per aiutare l’Ucraina a respingere l’aggressione russa.

READ  Incidente aereo in Nepal: 68 morti mentre aereo della Eti Airlines precipita vicino a Pokhara

Brian Fitzpatrick, un repubblicano moderato, ha affermato di non essere preoccupato che la Camera sia effettivamente gestita da estremisti.

“È ambizioso”, ha detto ai giornalisti. Abbiamo ancora le schede.

Reportage di David Morgan, Moira Warburton e Andy Sullivan; Rapporti aggiuntivi di Gram Slattery, Jason Lange e Makini Price, scritti di Andy Sullivan; Montaggio di Scott Malone, Cynthia Osterman, William Mallard e Daniel Wallis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *