Prodotti chimici domestici comuni collegati a danni cerebrali

I ricercatori hanno scoperto che i comuni prodotti chimici domestici possono danneggiare le cellule cerebrali chiamate oligodendrociti, che potrebbero essere collegati a malattie neurologiche come la sclerosi multipla e l’autismo. Analizzando più di 1.800 sostanze chimiche, hanno identificato come dannosi i ritardanti di fiamma organofosfati e i composti di ammonio quaternario. Questi risultati, che meritano ulteriori indagini, evidenziano l’urgente necessità di ulteriori ricerche sugli effetti di queste sostanze chimiche sulla salute del cervello e sullo sviluppo di misure per ridurre l’esposizione.

Una nuova ricerca indica che le sostanze chimiche presenti in innumerevoli prodotti domestici possono danneggiare le cellule cerebrali specializzate.

Un team di ricercatori della Case Western Reserve University School of Medicine ha fornito nuove informazioni sui pericoli che alcuni comuni prodotti chimici domestici rappresentano per la salute del cervello. Suggeriscono che le sostanze chimiche presenti in un’ampia gamma di prodotti, dai mobili ai prodotti per capelli, potrebbero essere collegate a malattie neurologiche come la sclerosi multipla e i disturbi dello spettro autistico.

Paolo Carpentiere

Pal Desar. Credito: Case Western Reserve University

I problemi neurologici colpiscono milioni di persone, ma solo una frazione potrebbe essere dovuta alla genetica, indicando che fattori ambientali sconosciuti contribuiscono in modo importante alle malattie neurologiche.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neuroscienze naturaliAlcuni comuni prodotti chimici domestici influenzano specificamente gli oligodendrociti del cervello, un tipo di cellule specializzate che formano guaine protettive attorno alle cellule nervose.

“La perdita di oligodendrociti è alla base della sclerosi multipla e di altre malattie neurodegenerative”, ha affermato il ricercatore principale dello studio Paul Tesser, professore di terapie innovative del Dr. Donald e Ruth Weber Goodman e direttore dell'Istituto per le scienze gliali della School of Medicine. “Ora dimostriamo che specifiche sostanze chimiche presenti nei prodotti di consumo danneggiano direttamente gli oligodendrociti, rappresentando un fattore di rischio precedentemente non riconosciuto per le malattie neurodegenerative”.

READ  Ty Pennington ricoverato in terapia intensiva pochi giorni dopo aver assistito alla premiere di "Barbie" - The Hollywood Reporter

Prodotti chimici dell'ansia e loro effetti

Considerando che non è stata condotta una ricerca sufficientemente approfondita sugli effetti delle sostanze chimiche sulla salute del cervello, i ricercatori hanno analizzato più di 1.800 sostanze chimiche a cui gli esseri umani sono esposti. Hanno identificato i ritardanti di fiamma organofosfati e i composti di ammonio quaternario come oligodendrociti che danneggiano selettivamente.

I composti di ammonio quaternario sono spesso utilizzati perché sono presenti in molti prodotti per la cura personale e disinfettanti. COVID 19 Con l’inizio dell’epidemia, gli esseri umani hanno continuato a essere esposti a queste sostanze chimiche. E molti dispositivi elettronici e mobili includono ritardanti di fiamma organofosfati.

I ricercatori hanno utilizzato sistemi cellulari e organoidi in laboratorio per dimostrare che i composti di ammonio quaternario provocano la morte degli oligodendrociti, mentre i ritardanti di fiamma organofosfati impediscono la maturazione degli oligodendrociti.

Implicazioni per la salute umana

Hanno dimostrato come le stesse sostanze chimiche danneggiassero gli oligodendrociti nel cervello in via di sviluppo dei topi. I ricercatori hanno anche collegato l’esposizione a una delle sostanze chimiche a esiti neurologici peggiori nei bambini a livello nazionale.

Erin Cohn

Erin Cohn. Credito: Erin Cohn

“Abbiamo scoperto che gli oligodendrociti, ma non altre cellule cerebrali, sono sorprendentemente vulnerabili ai composti di ammonio quaternario e ai ritardanti di fiamma organofosfati”, ha affermato Erin Cohn, autrice principale e studentessa laureata del Clinical Scientist Training Program della School of Medicine. “Comprendere l'esposizione umana a queste sostanze chimiche potrebbe aiutare a spiegare l'anello mancante nel modo in cui si presentano alcune malattie neurologiche”.

Il legame tra queste sostanze chimiche e gli effetti sulla salute del cervello necessita di ulteriori indagini, avvertono gli esperti. La ricerca futura dovrebbe monitorare i livelli chimici nel cervello di adulti e bambini per determinare la quantità e la durata dell’esposizione necessaria per causare o peggiorare la malattia.

READ  Yellen afferma che le regole bancarie statunitensi potrebbero essere troppo flessibili e devono essere riviste

“I nostri risultati suggeriscono che è giustificato uno studio più completo sugli effetti di questi comuni prodotti chimici domestici sulla salute del cervello”, ha detto Tesser. “Ci auguriamo che il nostro lavoro contribuisca a decisioni informate riguardanti azioni normative o interventi comportamentali per ridurre l'esposizione chimica e proteggere la salute umana”.

Nota: Erin F. Cohn, Benjamin LL Clayton, Mayur Madhavan, Christine A. Lee, Sarah Jacob, Yuri Fedorov, Marissa A. Scausso, Katie Paul Friedman, Timothy J. Shaffer e Paul J. “Le sostanze chimiche ambientali pervasive influenzano lo sviluppo degli oligodendrociti” Teser, 25 marzo 2024, Neuroscienze naturali.
DOI: 10.1038/s41593-024-01599-2

Benjamin Clayton, Mayur Madhavan, Christine Lee, Sarah Yacoub, Yuri Fedorov, Marissa Scausso, Katie Paul Friedman e Timothy Shafer sono altri ricercatori che contribuiscono alla Case Western Reserve School of Medicine e alla US Environmental Protection Agency.

La ricerca è stata supportata da finanziamenti da Istituto Nazionale della SaluteSupporto filantropico da parte della National Multiple Sclerosis Society, dell'Howard Hughes Medical Institute, della New York Stem Cell Foundation e di sTF5 Care e delle famiglie Long, Walter, Peterson, Goodman e Keller.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *