Yellen fa il primo viaggio in Cina, cerca legami più forti mentre le catene di approvvigionamento si allontanano

Il segretario al Tesoro Janet L. La Yellen si è recata a Pechino questa settimana per testare la capacità dell’amministrazione Biden di migliorare le relazioni con la Cina perseguendo al contempo una strategia economica volta a ridurre la dipendenza delle aziende americane dalle fabbriche cinesi.

La sua visita arriva mentre la ripresa economica della Cina dalla sua rigorosa politica zero-covid mostra segni di cedimento e l’amministrazione si prepara ad annunciare nuove restrizioni agli investimenti statunitensi nelle industrie tecnologiche cinesi.

A metà del mandato del presidente come presidente del Tesoro, Yellen ha fatto il suo primo viaggio in Cina. Più di quattro giorni da giovedì, lei Sono previsti diversi incontri con i membri del nuovo gruppo dirigente cinese, come parte di uno sforzo congiunto dei due paesi per intensificare i colloqui ad alto livello e fermare un peggioramento delle relazioni. Questioni come l’economia globale, la cancellazione del debito per i paesi in via di sviluppo e la possibile cooperazione sul cambiamento climatico segneranno la sua agenda.

Biden dice che sta rimodellando l’economia. Gli economisti dicono che è troppo presto.

Le due parti potrebbero scontrarsi sui piani dell’amministrazione per “ridurre il rischio” delle relazioni commerciali degli Stati Uniti con la Cina, affidandosi agli alleati per produrre materiali critici, semiconduttori, prodotti farmaceutici e batterie per veicoli elettrici. Il premier cinese Li Keqiang la scorsa settimana ha criticato gli sforzi occidentali per ridurre il ruolo della Cina nelle catene di approvvigionamento globali, affermando che l’interdipendenza è “una buona cosa, non una cattiva cosa”, in un discorso a un pubblico globale nella città portuale di Tianjin.

David Lowinger, che ha contribuito a coordinare i colloqui economici USA-Cina per l’amministrazione Obama, ha dichiarato: “Si può dire che gli Stati Uniti non stiano cercando di contenere la Cina, ma questo è un messaggio non solo sentito dal governo cinese, ma anche dai cinesi persone.

Le aziende statunitensi incontrano ostacoli nello sviluppo di nuove strategie per il mercato cinese

In un discorso ad aprile, la Yellen vuole approfondire le opinioni di un alto funzionario del Tesoro, che ha parlato a condizione di anonimato per descrivere i suoi piani, sul mantenimento di legami economici sani tra le due maggiori economie del mondo anche se le considerazioni sulla sicurezza nazionale dominano la relazione. .

Mentre si trova a Pechino, la Yellen prevede di incontrare aziende americane che operano in Cina e “impegnarsi direttamente con il popolo cinese”.

READ  Muore il leone più anziano del Kenya

Cercherà anche informazioni su come il nuovo team del presidente cinese Xi Jinping sta gestendo le crescenti sfide economiche.

La crescita cinese è diminuita nelle ultime settimane dopo essere aumentata nel primo trimestre in seguito all’allentamento della rigida posizione zero-covid di Xi.

La debolezza si manifesta in patria e all’estero. Secondo Mark Williams, capo economista per l’Asia presso Capital Economics a Londra, i consumatori che avrebbero dovuto riprendersi dalla spesa per l’ultima vacanza in barca del drago rispetto al 2019 sono rimasti delusi.

Gli ordini di esportazione della Cina si sono contratti per il terzo mese consecutivo a giugno poiché i tassi di interesse più elevati hanno rallentato le economie statunitensi ed europee, ha affermato venerdì il governo. Capital Economy ha riferito che le esportazioni industriali sono diminuite del 15% rispetto al recente picco.

La valuta cinese, lo yuan, si sta avvicinando al suo valore più basso rispetto al dollaro USA dalla crisi finanziaria del 2008. Il settore immobiliare sovradimensionato, che ha assorbito ingenti investimenti negli ultimi anni, non traina più la crescita. I calcoli sulla popolazione pesano sulle prospettive poiché la popolazione cinese in età lavorativa continua a ridursi.

“Il futuro è inesplorato sia per le aziende cinesi che per i consumatori”, ha affermato Williams.

I funzionari cinesi sono sotto pressione per stimolare l’economia. Ma a differenza delle precedenti recessioni come la crisi del 2008, è improbabile che facciano abbastanza per ripristinare le prospettive globali. L’ultima previsione della Banca mondiale prevede che l’economia globale rallenti al 2,1% di crescita quest’anno dal 3,1% dello scorso anno.

Una ripresa dei consumi andrà a beneficio delle imprese locali che forniscono servizi alla persona, come ristoranti e cinema. È improbabile che i funzionari aumentino la spesa per progetti infrastrutturali, che sono grandi acquisti dai paesi produttori di materie prime.

La visita del segretario al Tesoro fa parte di un’offensiva diplomatica coordinata iniziata a novembre con un incontro tra il presidente Biden e Xi al vertice del G-20 a Bali, in Indonesia, ed è stata bruscamente interrotta all’inizio di quest’anno dall’avvistamento di un pallone spia cinese. Attraversando l’America.

Quell’incidente ha provocato l’annullamento di una visita programmata del Segretario di Stato americano Anthony Blinken, che finalmente è arrivato nella capitale cinese a giugno. Blinken, il massimo funzionario statunitense in visita a Pechino da quando Biden è entrato in carica, ha incontrato alti funzionari, tra cui Xi. Hanno convenuto che alti funzionari dei due paesi si sarebbero scambiati ulteriori visite, aprendo la strada alla visita di Yellen.

READ  MKBHD afferma che la post-elaborazione distrugge le foto dell'iPhone

L’inviato speciale del presidente per il clima, John F. Anche Kerry e il segretario al commercio Gina Raimondo dovrebbero visitare Pechino entro la fine dell’anno.

I legislatori del GOP temono che Biden possa essere pronto a consentire a Tic Tac di continuare a operare negli Stati Uniti

Tuttavia, le discussioni di Yellen non dovrebbero portare ad alcun progresso nella relazione o accordi concreti.

In effetti, le ambizioni dell’amministrazione sono modeste rispetto alle precedenti iniziative USA-Cina. Ad esempio, la riunione del 2008 del Dialogo economico strategico dell’amministrazione Bush ha prodotto un elenco di cinque pagine a spaziatura singola di 24 accordi su questioni relative a energia, ambiente, commercio, finanza e investimenti.

Non ci si aspetta nulla di paragonabile dall’attuale spinta diplomatica disse Blinken La scorsa settimana mirava a “ristabilire un contatto continuo” con i funzionari cinesi.

“È importante che parlino”, ha affermato Lowinger, amministratore delegato del gruppo TCW a Los Angeles. Abbiamo bisogno di parlare e avere relazioni in cui le persone possano rispondere al telefono.

Questo tipo di interazioni regolari è caduto in disgrazia negli ultimi anni, prima a Washington e poi a Pechino.

L’amministrazione Trump ha rifiutato decenni di tradizione bipartisan del dialogo USA-Cina, affermando che i cinesi hanno coinvolto i funzionari statunitensi in infinite discussioni che non hanno prodotto vantaggi reali. Il team di Trump si è quindi impegnato in lunghe trattative che hanno portato a un accordo commerciale parziale nel gennaio 2020.

Le relazioni sono nuovamente diminuite nei primi anni del mandato di Biden. L’anno scorso, è stata la volta della Cina a mettere in discussione il valore delle riunioni regolari mentre l’amministrazione si opponeva a una revisione delle tariffe dell’era Trump sui prodotti cinesi e svelava nuove severe politiche per limitare le vendite di sofisticati chip per computer in Cina.

“La parte cinese sperava che l’amministrazione Biden moderasse alcune delle politiche più estreme di Trump”, ha affermato Anna Ashton, direttore degli affari societari cinesi presso Eurasia Group.

L’accordo commerciale parziale USA-Taiwan è un primo passo, ma la Cina è ancora risentita

La visita di Yellen sarà la sua prima occasione per socializzare con il selezionato team di Xi, i cui membri sono più noti per la loro lealtà al leader cinese che per il loro buon senso economico. Alti funzionari noti alle loro controparti americane, come l’ex vice premier Liu He, sono ora in pensione.

Il programma del Segretario al Tesoro non è reso pubblico. Ma potrebbe incontrare Li e uno o più dei nuovi vice premier cinesi, come il confidente di Xi Ding Xuxiang di Shanghai o He Lifeng, economista ed ex pianificatore centrale, dicono gli analisti. Ci sarà anche la possibilità di incontrare Yi Gang, il governatore della People’s Bank of China.

READ  McDonald's chiude temporaneamente gli uffici statunitensi, prepara annunci di licenziamento: rapporto

Yellen può aspettarsi un caloroso benvenuto a Pechino, dove è vista come favorevole a relazioni costruttive in un momento in cui l’umore politico a Washington è decisamente ostile alla Cina.

“Ha un’immagine positiva a Pechino”, ha affermato Myron Brilliant, consulente senior di Dentons Global Advisors-ASG. “La vedono come una pragmatica in un momento in cui scarseggia”.

Tuttavia, ci saranno punti di attrito. Le società americane che operano in Cina si sono lamentate di azioni arbitrarie del governo, come le recenti indagini su due società di consulenza americane. Funzionari statunitensi hanno avvertito che la legge cinese sul controspionaggio, entrata in vigore il 1° luglio, potrebbe trasformare la normale raccolta di business intelligence in spionaggio criminale.

È probabile che i funzionari cinesi sollevino interrogativi sul piano dell’amministrazione di rilasciare regolamenti nelle prossime settimane per limitare gli investimenti statunitensi in uscita nello sviluppo tecnologico cinese.

Anche l’intenzione dell’amministrazione di ridurre la dipendenza degli Stati Uniti dai fornitori cinesi potrebbe provocare scintille.

L’amministrazione ha adottato lo slogan “riduzione del rischio” introdotto dal presidente dell’UE Ursula von der Leyen a marzo per distinguere i piani statunitensi dai più ampi tagli economici sostenuti da alcuni falchi di Washington.

I funzionari dell’amministrazione, inclusa la Yellen, hanno descritto il loro obiettivo come proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti riducendo l’eccessiva dipendenza dai fornitori cinesi senza perseguire un divorzio economico in piena regola. I funzionari cinesi insistono sul fatto che de-risking è un’altra parola per disaccoppiamento, che a loro avviso interesserà entrambe le economie.

“De-risking è un termine innocuo per uno sforzo molto controverso per armare le loro catene di approvvigionamento e garantire che le loro catene di approvvigionamento non siano armate contro di loro”, ha affermato Michael Hirson, capo della ricerca cinese per la società di intelligence finanziaria 22V Research. In New York.

Mentre Pechino si lamenta dei piani degli Stati Uniti per indebolire i suoi legami con la Cina, anche il governo cinese insiste sull’autosufficienza. Beni e servizi importati ora rappresentano circa il 17% della produzione cinese, rispetto al 28% del 2006. Banca Mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *