I lavoratori di Amazon se ne vanno in mezzo ai licenziamenti citando preoccupazioni per il clima

Centinaia di dipendenti di Amazon hanno lasciato il lavoro mercoledì pomeriggio, chiedendo una politica di lavoro a distanza flessibile e impegni rinnovati per ridurre a zero le emissioni di carbonio.

Lo sciopero è una collaborazione tra Amazon Workers for Climate Justice e un gruppo di lavoratori informali che protestano contro il ritorno forzato di Amazon in ufficio. I recenti licenziamenti e il mandato – che aumenta le emissioni quando i lavoratori viaggiano – fanno sì che i dirigenti di Amazon si chiedano se stanno guidando l’azienda nella giusta direzione.

I dipendenti di Amazon hanno in programma di abbandonare il lavoro mentre aumentano le tensioni tra i lavoratori della tecnologia

“Si tratta sicuramente di quanto sia basso il morale”, ha detto un dipendente Amazon con sede a Seattle, che ha parlato a condizione di anonimato per paura di ritorsioni. “C’è molta sfiducia nella leadership in questo momento”.

Gli organizzatori dello sciopero hanno stimato che circa 1.000 lavoratori hanno partecipato allo sciopero a Seattle e più di 2.000 lavoratori in tutto il mondo si sono impegnati a partecipare.

Amazon impiega una forza lavoro aziendale di oltre 350.000 persone, 65.000 delle quali vicino a Seattle, e circa 300 lavoratori hanno partecipato all’evento di mercoledì.

Il portavoce di Amazon, Brad Glaser, ha affermato che la società sta lavorando per raggiungere l’obiettivo di “zero emissioni nette entro il 2040”.

“Mentre vorremmo tutti arrivarci domani, aziende come la nostra consumano molta energia e dispongono di mezzi di trasporto, imballaggio e costruzione fisica molto consistenti, che richiederanno tempo per essere realizzati”, ha affermato. “Siamo sulla buona strada per avere il 100% di energia rinnovabile entro il 2025 e continueremo a investire in modo significativo, innovare e collaborare internamente ed esternamente per raggiungere il nostro obiettivo”.

READ  La Cina inizia le esercitazioni militari intorno a Taiwan dopo la visita del portavoce degli Stati Uniti

Il fondatore ed ex CEO di Amazon, Jeff Bezos, possiede il Washington Post.

Nel 2019, il gruppo Amazon Employees for Climate Justice ha organizzato un’azione simile, chiedendo ad Amazon di rilasciare i suoi dati sulle emissioni di carbonio. Poco dopo, Amazon si è impegnata pubblicamente per gli obiettivi di energia rinnovabile e zero emissioni nette di carbonio noti come Climate Pledge.

Amazon, Google e altri lavoratori della tecnologia stanno protestando a sostegno dell’azione per il clima

Ma ora, alcuni dipendenti di Amazon sembrano allontanare l’azienda da tali doveri. La scorsa settimana, la società ha rimosso silenziosamente dal suo sito Web il linguaggio che prometteva di portare metà delle sue esportazioni a zero emissioni nette di carbonio entro il 2030, ha riferito per la prima volta Reveal. La notizia, che ha fatto seguito all’annuncio dei piani di sciopero, ha suscitato l’entusiasmo dei dipendenti per la partecipazione.

I partecipanti hanno inviato messaggi ed e-mail a Slack per incoraggiare i colleghi a iscriversi allo sciopero.

“Amazon sta attivamente accelerando questa crisi sotto il nostro controllo, attraverso il nostro lavoro, e ognuno di noi ha l’opportunità e la responsabilità di fare qualcosa al riguardo”, si legge in un’e-mail dei dipendenti.

“Vogliamo avere un’altra Amazon”, si legge in un’altra e-mail di un dipendente. “Non solo la transizione lenta dei furgoni a gas alle loro versioni EV, ma una che centra davvero le decisioni aziendali sulla sostenibilità. Molto presto, sembrerà molto sciocco costruire le nostre operazioni facendo affidamento sul sistema di trasporto aereo di Prime Air senza una versione a zero emissioni di carbonio”.

Amazon ha disse La società ha eliminato l’obiettivo Zero Shipments perché è stato superato da un impegno climatico che si riferisce all’intera attività di Amazon piuttosto che alla spedizione specifica.

READ  Iscrizione a metà prezzo per coloro che ricevono l'assistenza del governo

Ma il dipendente di Seattle ha affermato che i suoi colleghi stavano usando lavagne all’interno degli ascensori dell’azienda per esprimere la loro frustrazione per la decisione di Amazon di non informare i dipendenti dell’obiettivo di zero spedizioni. Ha detto che teme che il cambiamento significhi che la società non raggiungerà il suo obiettivo per il 2040.

“Ho partecipato a molti di questi incontri in cui viene sollevata la sostenibilità e so che non è mai una vera priorità. Si tratta sempre più di profitto che di sostenibilità”, ha affermato il dipendente.

Molti dei lavoratori che hanno partecipato allo sciopero sono rimasti frustrati dopo che Amazon ha respinto una petizione scritta dai dipendenti che cercavano di revocare l’ordine di ritorno in ufficio.

“Non riesco a credere che al giorno d’oggi, un’azienda che afferma di essere un leader innovativo al suo posto lo farebbe a una delle sue risorse più preziose, i suoi dipendenti”, ha detto Pamela, un’organizzatrice di scioperi alla manifestazione di scioperi di mercoledì .

Pamela aveva precedentemente avviato un canale Slack per discutere di problemi di back-to-office con oltre 33.000 membri, che ha definito “la più grande espressione di insoddisfazione dei dipendenti nella storia dell’azienda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *