La Camera voterà sugli aiuti cruciali all’Ucraina e a Israele e sul possibile divieto di TikTok

WASHINGTON – La Camera è pronta a votare sabato su quattro progetti di legge che autorizzano nuovi aiuti statunitensi a Israele e Ucraina, insieme ad aiuti per la sicurezza per la regione indo-pacifica e un disegno di legge per vendere o vietare la società madre di TikTok. a noi

Quattro progetti di legge saranno votati nel pomeriggio, il giorno dopo un raro e insolito voto di coalizione bipartisan. attività.

I progetti di legge sono stati approvati e nei prossimi giorni dovrebbero passare all'approvazione del Senato. Includono un pacchetto di aiuti da 95 miliardi di dollari proposto dal presidente Joe Biden, con alcune modifiche rispetto alla versione approvata dal Senato due mesi fa.

Bloccare il voto rappresenta un atto di sfida da parte del presidente Mike Johnson, R-La., contro un'apparente fazione di ribelli conservatori che si oppongono ai finanziamenti all'Ucraina e lo spingono a non sollevare la questione per un voto. Tre di loro: i rappresentanti Marjorie Taylor Green, R-Ga., Thomas Massey, R-Ky. e Paul Koser, R-Ariz. – Hanno minacciato di rimuoverlo dalla carica di Presidente. L'approvazione del disegno di legge potrebbe avvicinare Green ad un voto per rimuoverlo.

Dopo mesi di vacillamento, Johnson ha sostenuto Biden, democratici e repubblicani che credono che aiutare l’Ucraina a respingere l’aggressione russa sia vitale per gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, citando i briefing che ha ricevuto e avvertendo: “Vladimir Putin marcerà attraverso l’Europa. Consentito”.

“Preferirei mandare proiettili in Ucraina piuttosto che ragazzi americani”, ha detto Johnson ai giornalisti, sottolineando che suo figlio entrerà nell'Accademia Navale quest'anno. “È un esercizio di fuoco per me, come lo sono molte famiglie americane. Non è un gioco, non è uno scherzo.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sugli incendi in Texas: il clima secco e i forti venti minacciano di intensificare il più grande incendio dello stato

Prima del voto, l’ex presidente Donald Trump ha rilasciato una dichiarazione confusa in cui simpatizzava sia con le fazioni pro che anti-Ucraina del GOP, senza prendere una posizione chiara.

Oltre ai tre progetti di legge di aiuto, la quarta misura include una politica che costringerebbe Byte Dance, con sede in Cina, a vendere TikTok entro nove mesi – che il presidente potrebbe estendere a un anno – altrimenti dovrà affrontare un divieto a livello nazionale. La politica, che estende la scadenza per le vendite rispetto a un precedente disegno di legge della Camera con il sostegno del Senato sostenuto da Biden, rende TikTok più probabile che mai che venga bandito negli Stati Uniti.

Se passeranno, i progetti di legge dovrebbero essere raggruppati e inviati al Senato, che dovrà votare l’intera legislazione per inviarla alla scrivania di Biden per la firma. Non è chiaro quando ciò accadrà, ma il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, D-N.Y., e il leader della minoranza Mitch McConnell, R-Ky., sono stati espliciti sostenitori delle disposizioni sugli aiuti esteri nel pacchetto.

“Spero che il presidente Biden riceva presto sulla sua scrivania i finanziamenti tanto attesi per sostenere i nostri amici in Ucraina, Israele e nell'Indo-Pacifico e per aiutare i civili innocenti bisognosi di assistenza umanitaria a Gaza e nel mondo”, ha affermato Schumer. Prima del voto della Camera, aveva avvertito che le speranze dell’Ucraina contro la Russia sarebbero diminuite senza ulteriori armi statunitensi per difendersi.

Venerdì scorso, Schumer ha detto che stava lavorando per convincere il Senato a raggiungere un accordo unanime per passare rapidamente al voto sulla legislazione sugli aiuti esteri. “Stiamo lavorando a un accordo per prendere in considerazione un compagno”, ha detto nell'aula del Senato.

READ  Estratti dall'indagine sul silenzio di Trump: l'ex editore descrive le tattiche dei tabloid

McConnell ha dichiarato all’inizio di questa settimana: “Ecco la realtà politica: se pensate che la caduta dell’Afghanistan sia grave, sarebbe impensabilmente peggio che una capitale europea come Kiev cadesse in mano alle truppe russe, e se gli aiuti statunitensi si congelassero, quel risultato non sarà possibile. Chiedi quando la colpa ricade su di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *